Stella: “La Ferrari si ripeterà a Hockenheim”

La Rossa in serie positiva è favorita per il successo anche in Germania

L'ingegnere di pista di Fernando Alonso spiega che il Cavallino ha sacrificato in parte la velocità per avere maggiore carico aerodinamico, la chiave degli ottimi risultati nelle ultime gare
Stella: “La Ferrari si ripeterà a Hockenheim”

Una vittoria a Valencia ed un secondo posto a Silverstone due settimane fa dimostra che la Scuderia Ferrari è in buona forma e arriva molto positiva alla settimana che porta al GP di Germania, che rappresenta esattamente metà della stagione 2012.

“All’inizio della stagione avremmo dovuto essere estremamente ottimisti a immaginare una situazione del genere”, ha detto Andrea Stella, ingegnere di pista di Fernando Alonso. “Ma in questo sport, le cose possono cambiare molto velocemente e abbiamo sempre mantenuto un atteggiamento positivo. La situazione attuale è il risultato di questo atteggiamento combinato con un sacco di duro lavoro. La vettura era valida a Valencia ed è andata bene anche a Silverstone”, ha continuato il tecnico. “E come Hockenheim è un mix tra la bassa velocità di Valencia e l’alta velocità di Silverstone, mi aspetto che saremo competitivi in ​​Germania”.

I pneumatici hanno svolto un ruolo importante per tutta la stagione e la Stella non vede alcuna ragione perché non debba essere la stessa cosa in Germania. “In passato a Hockenheim la gestione delle gomme era difficile, soprattutto nella parte anteriore sinistra, e qualche volta abbiamo visto anche blister sulle ruote posteriori. Quindi potrebbe essere un fine settimana interessante dal punto di vista delle gomme. In questi mesi abbiamo semplicemente adattato lo sviluppo aerodinamico della vettura e del progresso è venuto anche come abbiamo acquisito una migliore comprensione delle gomme. In effetti, i pneumatici sono stati una grande sfida di quest’anno, così come l’ottimzzazione dell’aerodinamica. Tuttavia, un’altra sfida importante che abbiamo tutti di fronte quest’anno non è tanto tecnica, ma deriva dal fatto che il livello di prestazioni di molte delle vetture è molto vicino”. Infatti se uno dei punti deboli della F2012 è stato il deficit in velocità massima, Stella non sembra troppo preoccupato di dover far fronte a tale problema a Hockenheim. “Naturalmente, la velocità massima è la controparte del carico aerodinamico e in un certo senso, se siamo limitati quando si tratta di velocità di punta, che è in parte perché la nostra vettura si comporta bene quando deve avere deportanza. Tuttavia, è sicuramente un settore in cui stiamo cercando di migliorare per il futuro”, ha concluso l’ingegnere dello spagnolo.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

81 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | McLaren, Andrea Stella nuovo Racing Director

"Ho una schiera molto forte di persone che fanno riferimento a me, con James Key, Piers Thynne e Andrea Stella", ha detto il team principal di Woking Andreas Seidl
La McLaren continua a rinnovare il proprio management tecnico/sportivo. Il team inglese ha infatti promosso Andrea Stella come nuovo Racing