Le pagelle del Gran Premio di Abu Dhabi

Le pagelle del Gran Premio di Abu Dhabi

Ultime pagelle di stagione della gara che incorona Lewis Hamilton campione del mondo per la seconda volta.

LEWIS HAMILTON

VOTO: 10

Campione del mondo! Il principe Henry in persona si complimenta con il pilota inglese: Lewis è per la seconda volta campione del mondo. Una stagione quasi perfetta, ancora qualche traccia di nervosismo che si scioglie nelle lacrime nascoste dietro al casco: Lewis ha combattuto fino all’ultima gara, è stato costante e sempre concentrato. Ha avuto i suoi problemi e le sue difficoltà, ma ha anche dimostrato una nuova maturità, che speriamo, con questo secondo titolo, che si completi del tutto. “Ormai sei una leggenda”.

FELIPE MASSA

VOTO: 9

Assaporata la prima posizione per qualche giro, il pilota brasiliano si rende autore di una buonissima prestazione sin dall’avvio della gara: parte subito forte e si mantiene costante nelle prime posizioni, impensierendo Lewis, ma la Williams decide di non rischiare, facendo rientrare Felipe per l’ultimo pit stop, regalando a lui la gioia del secondo posto e lasciando a Lewis la tranquillità della vittoria.

VALTTERI BOTTAS

VOTO: 8

Chiude in terza posizione il pilota finlandese dopo una partenza disastrosa: mostra ancora grande carattere nei sorpassi e voglia di fare bene. Da perfezionare l’avvio di gara, ma anche sul finire della stagione Valtteri si rivela un’ottima promessa per il futuro.

DANIEL RICCIARDO

VOTO: 9

Super rimonta per il pilota Red Bull che partito dalla pit-lane insieme al compagno di squadra, riesce a chiudere al quarto posto una gara dettata da una buona strategia ma anche dai tanti sorpassi. Si chiude bene quest’anno da “novellino” in Red Bull, con all’attivo tre vittorie: ora diventa il padrone di casa, staremo a vedere cosa sarà in grado di fare.

JENSON BUTTON

VOTO: 8

“Date una monoposto a quell’uomo”, questo il commento personale alla prestazione di Jenson: sul finale di stagione infatti è tornato a dimostrare le sue capacità, in particolare rispetto ai risultati del compagno di squadra. L’idea che probabilmente Abu Dhabi sia stato il suo ultimo Gran Premio in Formula 1 mette a dura prova il metro di giudizio con cui si scelgono i piloti. Staremo a vedere l’evolversi della situazione, sperando di ritrovarlo a Marzo in pista.

NICO HULKENBERG

VOTO: 7.5

Buona prestazione del pilota Force India che si destreggia abbastanza bene tra un sorpasso e l’altro, chiudendo davanti al compagno di squadra.

SERGIO PEREZ

VOTO: 7

Gara abbastanza anonima per il pilota messicano che chiude in settima posizione, bene, ma senza farsi notare se non per qualche sorpasso.

SEBASTIAN VETTEL

VOTO: 7

Una buona rimonta per il pilota tedesco, partito dalla pit-lane, ma lontano dal compagno di squadra, anche lui partito dalla corsia box: la stagione è stata difficile, ma ormai o finalmente si è conclusa. Si è anche conclusa la sua avventura in RedBull, dove ha vinto i suoi quattro titoli mondiali: lo attende una grande sfida in rosso e il mondo attende di vedere cosa sarà in grado di fare anche lì.

FERNANDO ALONSO

VOTO: 6.5

Un ultimo Gran Premio in rosso dettato di nuovo dalla sua caratteristica tenacia a voler tirar fuori il meglio dalle situazioni più difficili. Si è conclusa una stagione critica ed anche per lui un grande capitolo targato Ferrari. Tutti attendono di sapere cosa ne sarà del suo futuro, con la certezza e la speranza di vederlo lottare più avanti rispetto a quanto fatto fino ad oggi.

KIMI RAIKKONEN

VOTO: 6

Qualche sprazzo di grinta associati a momenti di totale deconcentrazione: questa la gara del pilota finlandese che descrive un po’ tutta la sua stagione. Quella appena conclusa è stata certamente un’annata difficile per la sua monoposto, ma Kimi ci ha messo anche del suo. Speriamo di rivederlo l’anno prossimo più in forma.

KEVIN MAGNUSSEN

VOTO: 5

Pessima prestazione per il pilota della McLaren: quella che doveva essere la giovane promessa, su cui puntare ed invece rimane nelle retrovie, ben lontano dal compagno di squadra, che però è rimasto senza sedile. La scusa della monoposto non è accettabile, a parità di auto, il compagno riesce a tirar fuori prestazioni di gran lunga migliori rispetto alle sue.

JEAN-ERIC VERGNE

VOTO: 6.5

Buona prestazione del francese che si aggiudica la miglior manovra della gara quando cerca di resistere a Ricciardo. Il probabile ben servito che la ToroRosso gli ha annunciato per il 2016 deve essere un positivo campanello di allarme per lui: nella prossima stagione sarà fondamentale farsi notare per le proprie capacità, nell’intento di trovare un nuovo sedile.

ROMAIN GROSJEAN

VOTO: 6

Il pilota francese porta a fine gara e a fine stagione la sua monoposto concludendo una terribile annata per lui e per la sua squadra. Semplicemente l’augurio per una 2015 migliore perchè Romain merita qualcosa di più.

NICO ROSBERG

VOTO: 10

Sorvolando su qualsiasi tipo di commento sia sugli errori del tedesco che sul guasto al sistema di recupero, onore al pilota tedesco che non solo tenta di lottare fino all’ultimo, chiede di poter concludere la gara nonostante la squadra gli dica di rientrare ai box per i troppi problemi della monoposto, conclude la gara e sale a fare gli onori e i complimenti al compagno neo campione del mondo. Una dimostrazione di umiltà, umanità e professionalità che ben pochi altri piloti sarebbero stati in grado di dimostrare, Lewis in primis. Una grande stagione che purtroppo Nico non è riuscito a coronare con il titolo mondiale, ma con la consapevolezza di poter lottare ancora la prossima stagione.

ESTEBAN GUTIERREZ

VOTO: 5

Anche per Gutierrez si è conclusa una gara ed una stagione non priva di difficoltà, con l’augurio di un 2015 migliore.

ADRIAN SUTIL

VOTO: 5

Penultimo, conclude la gara nell’anonimato.

WILL STEVENS

VOTO: 7

Non male la prestazione del giovane rookie che ad una qualifica non brillante, guidando una Catheram, riesce a dimostrare in gara di avere grinta e coraggio. Chiude in ultima posizione, ma lotta con ciascun pilota che gli si affianca: nessun titolo mondiale e nessuna precedenza, anche quando gli si mette vicino un pilota del calibro di Fernando Alonso. Lui corre la sua gara e vuole il meglio: purtroppo non si può ottenere molto dalla sua monoposto, ma la dimostrazione di carattere non è stata per nulla male.

KAMUI KOBAYASHI

VOTO: 5

Si ritira nell’ormai totale anonimato delle sue gare.

PASTOR MALDONADO

VOTO: 5

Le risate dei meccanici Lotus nel vedere la sua monoposto che va a fuoco descrivono meglio di mille parole la gara e la stagione di questo pilota. Gara e anno da chiudere, sigillare, archiviare nelle più remote memorie e non riaprire mai più.

DANIIL KVYAT

VOTO: 6

Peccato per il ritiro, il weekend era partito nel migliore dei modi, con un’ottima qualifica ed un buon passo gara.

Ylenia Griggio

Leggi altri articoli in Pagelle

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati