La lezione di Imola alla F1 e l’importanza dell’errore di guida

I piloti sono fin troppo bravi per lasciarli correre su piste banali, devono anche poter sbagliare.

La lezione di Imola alla F1 e l’importanza dell’errore di guida

L’imperfezione è umanità. E’ sintomo di genuinità, è vita. Il ritorno della Formula 1 a Imola è stata una ventata di ossigeno puro per questo automobilismo a volte fin troppo abbottonato, scontato, sempliciotto.

Vedere i piloti girare con la possibilità di commettere errori – su una di quelle piste scolpite dal tempo, dai ricordi, disegnate con il sudore delle imprese, veri e propri templi che fanno tremare le gambe – evoca sapori lontani, dolci, ancestrali. E’ il motorsport che torna alle sue origini, alla difficoltà che dovrebbe esserci nel domare certe vetture, a tenerle in pista, con la paura di insabbiarsi e ciao.

In questi anni di massima espansione verso posti esotici e nuovi tracciati (o tilkodromi va’) ci siamo assuefatti ed abituati a guardare troppo spesso le monoposto girare su vere e proprie autostrade con traiettorie a tre corsie, che la curva da dove la prendi prendi va bene, tanto poi c’è asfalto su asfalto, il punto di corda non è un punto ma è un buco nero che tutto assorbe, soprattutto l’imprevedibilità.

Con la conseguenza di un livellamento generale tra i piloti, quando poi i valori sono diversi e dovrebbero emergere. Non è un caso che appena metti molti di questi giovanotti a guidare in piste antiche, ostiche, selettive, non strette nè larghe ma semplicemente giuste, le differenze tra i vari “manici” emergono eccome. Tanto che nei saliscendi di Portimao Raikkonen – che non è uno della nuova generazione cresciuta al simulatore – durante il primo giro andava al doppio degli altri. E Imola è stato un tranello costante per tanti ragazzi – più o meno talentuosi – che sono scivolati sulla classica buccia di banana, contribuendo ad una gara che è stata molto più spettacolare di quanto si potesse ipotizzare.

Imola è stata una lectio magistralis alla F1. Un messaggio chiarissimo sulla evidente necessità di portare questi già di per se bravissimi piloti a guidare su piste cattive, traditrici, con curve disegnate dalla natura, da eroi di un tempo, e non dalla matematica. Imola è un polmone che respira con curve leggendarie, ognuna delle quali ha una sua personale storia e questo lo percepiscono gli appassionati ma soprattutto i piloti, per loro natura di carattere idealista, altrimenti difficilmente avrebbero scelto questa vita.

La F1 difficilmente potrà fare a meno di tristi circuiti in posti sperduti, d’altronde pecunia non olet, ma guai a sottovalutare le emozioni di guida e la bellezza dell’Errore in quanto tale. Mettete in condizione i piloti di dover testare al massimo le proprie abilità, di emozionarsi sentendo il limite oltre il quale c’è solo il ritiro e non la via di fuga per neopatentati, regalate all’appassionato la possibilità di sentirlo quel limite, di percepirlo, di vederlo.

E’ impossibile guidare questi bolidi senza sbagliare, viva l’errore e i circuiti dove si può ancora sbagliare. Cosicché si può anche capire chi è bravo e chi è una pippa, senza fare nomi, basta guardare qualcosa del GP appena corso sulle rive del Santerno.

Antonino Rendina


Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati