Formula 1 | Haas, Magnussen e Steiner difendono le provocazioni lanciate da Rich Energy

"Non so se riusciremo nell'impresa, ma non provarci significherebbe rinunciare alla possibilità", ha dichiarato il Team Principal

Formula 1 | Haas, Magnussen e Steiner difendono le provocazioni lanciate da Rich Energy

Intercettati ai microfoni di Speed Week durate la conferenza stampa di presentazione del team Rich Energy Haas F1, Kevin Magnussen e Gunther Steiner hanno difeso le provocazioni lanciate da William Storey sulla sfida con Red Bull, sottolineando come la Scuderia statunitense scenderà in pista per raccogliere il miglior risultato possibile.

Dopo le buone performance della scorsa stagione, infatti, l’obiettivo sarà quello di scalare le gerarchie, giocandosela alla pari di Renault, Racing Point e McLaren per il quarto posto nel mondiale costruttori.

I dubbi che aleggiano sulla power unit Honda, inoltre, potrebbero aiutare Kevin Magnussen e Romain Grosjean ad alzare l’asticella per quello che riguarda i piazzamenti raggiungibili durate l’anno.

Qui le parole di Gunther Steiner: “L’anno scorso abbiamo schierato la quarta miglior vettura, mentre Red Bull era la terza. La nostra intenzione è quella di migliorare, ragion per cui perchè dovremmo precluderci l’idea di rendergli complicata la vita? Non so se riusciremo nell’impresa, ma non provarci significherebbe rinunciare alla possibilità a prescindere”.

Dello stesso avviso Kevin Magnussen: “Non vedo nulla di sbagliato nell’obiettivo di giocarsela con Red Bull, visto che per ottenere dei risultati bisogna sfidare gli avversari. Al contrario non si ottiene nulla. Probabilmente sarà difficile farlo già nel 2019, ma in futuro chissà. Sono in fase di studio dei nuovi regolamenti e potrebbe essere inserito un limite di budget. Nessuno sa come questi aspetti cambieranno la Formula 1. Bisogna credere nel successo per renderlo realtà”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati