Formula 1 | Ferrari, a Maranello si parla del futuro [VIDEO]

Presentato il piano industriale per il periodo 2018-2022: raddoppiare il fatturato è l'obiettivo

Formula 1 | Ferrari, a Maranello si parla del futuro [VIDEO]


A Maranello, nella giornata odierna, si è tenuto il Ferrari Capital Markets Day, ovvero la presentazione del piano industriale per il periodo 2018-2022. Un evento atteso, che ha segnato il debutto di Louis Camilleri come amministratore delegato dopo la precoce scomparsa di Sergio Marchionne.

Tra i tanti temi toccati, spicca quello inerente agli obiettivi finanziari: una Ferrari estremamente ambiziosa ha espresso la propria volontà di raddoppiare il fatturato nei prossimi quattro anni.

Il presidente John Elkann, inoltre, ha spostato l’accento anche sulla Formula 1 con due messaggi chiarissimi. Il primo, rivolto al team e a Sebastian Vettel: “Essere la Ferrari significa vincere”. Il secondo, invece, suona come una stoccata alla Mercedes e al modo in cui sacrifica Valtteri Bottas per agevolare Lewis Hamilton: “Essere la Ferrari significa vincere con stile”.

Camilleri, infine, ha parlato anche del futuro del Circus, tema tanto caro a Sergio Marchionne. Il CEO ha ribadito la posizione del Cavallino: mantenere la Formula 1 come l’eccellenza mondiale del motorsport. Nessuna volontà, dunque, di scendere a compromessi in termini di tecnologia per migliorare lo spettacolo in pista. A tal proposito, lo stesso Camilleri ha svelato come le scuderie siano ancora lontane dal trovare una soluzione futura soddisfacente per tutte le parti coinvolte.

Formula 1 | Ferrari, a Maranello si parla del futuro [VIDEO]
4.3 (86.67%) 9 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento
  1. rearweeldrive

    18 settembre 2018 at 18:30

    luis sii obiettivo e guarda le cose per quelle che sono in mercedes e lo sono state in ferrari all’epoca di shumi:il primo pilota e il secondo pilota(scudiero/maggiordomo)a maranello ci sono da almeno 22 anni a questa parte e se la mercedes ora si è adeguata a questa linea di pensiero allora non si può fare altro che accettare che anche le altre scuderie seguano questa strategia.
    discorso diverso è invece l’aiutarsi tra ssquade in pista(dato che comunque fuori dalle gare le case madri comandano già da diverso tempo e le satelliti obbediscono…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati