Ferrari, Alonso-Mattiacci: veleno e insulti nel post Singapore?

Dopo i paroloni, il Team Principal della Rossa avrebbe chiamato Vettel

Ferrari, Alonso-Mattiacci: veleno e insulti nel post Singapore?

Quando il Circus della Formula 1 è a Sochi per disputare il Gran Premio di Russia, il primo nella storia, i colleghi di Motorsport.com, attraverso l’autorevole penna di Mark Hughes, collaboratore anche di Autosport, hanno tirato fuori un retroscena interessante di una riunione che si sarebbe tenuta a Marenello nei giorni seguenti al Gran Premio di Singapore. Nel meeting, dove si sono incontrati Fernando Alonso e Marco Mattiacci, sarebbero volate parole pesanti, nel corso della quale discussione si parlava del futuro dello spagnolo in Ferrari. L’incontro aveva uno scopo preciso: determinare la rottura tra Alonso e la Ferrari.

La nuova dirigenza di Maranello, secondo quanto riporta Hughes, vogliono un pilota dipendente, uno che non metta bocca in nessuna questione che non sia direttamente collegata allo scendere in pista e guidare. Proprio in occasione del meeting di Maranello quello che sembrava avere, a parole, il coltello dalla parte del manico era Fernando Alonso: il suo rendimento in questi cinque anni a Maranello è stato esemplare, se confrontato a quello dei suoi compagni di squadra ma a Mattiacci non bastano i risultati in pista. L’italiano, in accordo con Marchionne è alla ricerca di un pilota-dipendente. Il Team Principal della Rossa avrebbe informato lo spagnolo di non apprezzare il suo comportamento e il modo di porsi pubblicamente nei confronti della Ferrari. Il romano avrebbe chiesto, in tal senso, maggior impegno al pilota, facendogli capire che l’atteggiamento non contribuisce all’armonia del team. La cosa ha fatto ovviamente infuriare Alonso che ha appellato Mattiacci senza mezzi termini come Son of a b…ch, come ha riportato senza censure Hughes in persona.

Sempre secondo il giornalista britannico, questo fatto spiegherebbe la mossa di mercato piloti alla quale abbiamo assistito in occasione del Gran Premio del Giappone. Mattiacci al termine della riunione con Alonso, avrebbe chiamato direttamente Sebastian Vettel comunicandogli che quello che fino a quel momento era solo accordo con la Rossa firmato a matita, da quel momento sarebbe stato attivato.

Eleonora Ottonello

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

16 commenti
  1. stefanoabbadia

    9 Ottobre 2014 at 11:50

    ovviamente noi (io) non sapremo mai se quanto asserito è vero o meno ..se gonfiato o meno…una cosa però è certa…il futuro della Ferrari nulla avra a che vedere con l’epoca Todt- Montezemolo – Schumacher….e la vedo dura..almeno per i prossimi 4 o 5 anni ma probabilmente di più di vincere…non se ne parlerà…vedrete!!!!!

    • Slowtrack

      9 Ottobre 2014 at 13:09

      Sapere se questo scontro sia vero non è importante. L’importante è che è verosimile.

  2. terminator

    9 Ottobre 2014 at 11:52

    Rendiamo onore a Michael Schumacher il piu’ grande pilota di tutti i tempi, il migliore in pista, il migliore uomo squadra, non si e’ mai lamentato, ha dovuto aspettare 5 anni prima di vincere, lavorava sempre con la squadra, con i meccanici, il giorno prima della gara l’hanno trovato a parlare con la macchina, non diceva mai di no, sempre disponibile…il piu’ grande professionista di sempre…altro che questo manichini di ora….

    • stefanoabbadia

      9 Ottobre 2014 at 12:20

      questi manichini…io li chiamo “signorine”

    • schummy

      9 Ottobre 2014 at 12:39

      Proprio vero ! Non c’è paragone tra schumi e Alonso, gran manico ma non è certamente un motivatore della squadra, anzi quando ha l’occasione è pronto a criticarla, come se lui non ne faccia parte.

    • Solo_e_Sempre_Rosso

      9 Ottobre 2014 at 23:04

      Ottimo commento TERMINATOR, come Schumacher non c’è nessuno, un vero professionista e persona molto umile, sono pienamente d’accordo.
      Certo Vettel non avra il
      Trinomio vincente Montezemolo-Todt-Brawn, ma può essere un inizio…. anche vero che non vinceremo subito, realmente Vettel avrà difficolta a prendere in mano un camion da guidare, mi auguro che il Team Ferrari esca da questo tunnel e che riesca a migliorare, poi come si dice se sono rose fioriranno!

  3. Riccardo_63

    9 Ottobre 2014 at 12:29

    Può darsi che vettel,tra parentesi in italiano si può tradurre “vecchia strega”, sia uno di quelli che parlano con la macchina, del resto mi pare che si sia inchinato alla sua macchina.
    Devo comunque rivedere la mia opinione su di lui come pilota, del resto m’interessa solo quella, ha dimostrato di saper battagliare, si vede che nelle avversità matura.

    • Federico Barone

      9 Ottobre 2014 at 12:58

      In che lingua Vettel significherebbe “vecchia strega” e secondo quale dizionario?

    • Francesco

      9 Ottobre 2014 at 22:34

      non solo, dove e quando ha dimostrato di saper battagliare? ovviamente con la vettura attuale, anzi, dei primi mesi del mondiale in corso, non con quella degli scorsi anni…

  4. ancipe

    9 Ottobre 2014 at 17:37

    Schumy… ah che bei tempi…

  5. cpJack

    9 Ottobre 2014 at 18:41

    la filosofia dirigenziale di marchionne ha dimostrato in questi anni quanto sia dannosa per l’industria , basta vedere come’ finita la fiat e come gli agnelli vogliano tornare al controllo assoluto , che mattiacci cominci a prendere decisioni fuffa stile marchionno ?

  6. jonnymor

    9 Ottobre 2014 at 20:08

    ragazzi io sono dispiaciuto che Alonso nn resti alla Ferrari …detto questo però ricordo alla fine dell’ultimo giorno di test al mugello del 2012 quando tutti aspettavamo che lui uscisse a salutare il suo pubblico e nn l’ha fatto ci siamo rimasti tutti male ,,,sopratutto se paragonato a un po di anni prima ,sempre al Mugello,quando Schummy nelle pause dei test oltre a salutare il pubblico stava spesso a giocare a calcio in corsia box con i meccanici ….

  7. Solo_e_Sempre_Rosso

    9 Ottobre 2014 at 23:09

    Ragazzi miei, Schumacher è unico in queste cose, Lui si è cucito un Team e una monoposto addosso come un vestito che si indossa per andare a ballare il tango, e con quel vestito a STRAVINTO, e sono felice di essere stato un suo grande Fan e di averlo sempre stimato e tifato anche quando è andato in mercedes, si il mio cuoro è ROSSO FERRARI, ma il Pilota Schumacher ti rimane nel cuore, ed è stato una leggenda vivente!

  8. oniram

    9 Ottobre 2014 at 23:27

    Visto che si parla di Schumacher… diciamola tutta, quando era alla Ferrari era di una antipatia unica, il classico tedesco che ti guarda dall’alto in basso, mentre Alonso visto dalla gente comune appare sia più articolato che più ‘appassionato’ e di conseguenza fa amare il suo personaggio.

    Detto ciò….

    AVETE RAGIONE ragazzi, mastini assetati di sangue come Schumi non ne fanno più, una dedicazione totale allo sport e alla squadra, un martello, ha aspettato cinque anni senza lamentarsi ma spingendo tutti a migliorare, sempre concentrato, con uno stile di guida unico, ha costretto la FIA a cambiare drasticamente i regolamenti almeno un paio di volte nel tentativo di fermarlo (alla fine ci sono riusciti), ha fatto la storia senza auto-esaltarsi (scusate la freddura), e sostanzialmente ci ha abituato tutti troppo bene…..

    Keep fighting Michael

  9. Radioattivo

    10 Ottobre 2014 at 11:42

    Premetto subito che tifo ferrari MA:

    Dovete cercare di vedere anche il punto di Alonso.
    Alonso non ha più 20 anni e giustamente non può continuare a perdere titoli mondiali, perchè gli rifilano sempre un BIDONE ROSSO. Non è possibile sbagliare per 9 anni di fila la macchina.

    Lui vuole vincere, la ferrari vuole vincere. Credo che sia umano lamentarsi. Le persone COMPETITIVE lo fanno, poi c’è gente come Raikkonen che ha una calma disarmante quando chiude in 10 posizione…

    Sono molto preoccupato dell’arrivo di Vettel. L’ho sempre considerato non un fuoriclasse e con l’arrivo di Ricciardo ne ho la prova. Se qualcuno pensa veramente a vettel come un fuori classe… allora dove anche ammettere che RICCIARDO = SENNA.

    Riguardo Marchionne, io non sarei troppo contento delle sue gestioni. E’ sempre quello che dice che non bisogna tirare fuori nuovi modelli perchè ce la crisi e la gente non compra. poi però vedi le tedesche che tirano fuori nuovi modelli e creano addirittura nicchie di nicchie e fanno i numeri.

    La ferrari la vedrei bene solo gestita da briatore. Abbinerebbe il business che ci deve essere ma anche allo spettacolo delle vittorie in pista. L’uno non può fare a meno dell’altro.. se vogliamo che sia Ferrari, altrimenti chiamiamola in un altra maniera perchè non lo è più.

  10. Controaltare

    10 Ottobre 2014 at 13:33

    Questi dirigenti ferraristi hanno dato prova concreta di cio’che sembrava già nell’aria, cioè che sono presuntuosi, credono di saperne più degli altri, nonostante siano appena arrivati, e vogliono alle loro dipendenze piloti fantoccio che ubbidiscono sempre a loro senza mai lamentarsi delle pecche evidenti della macchina !
    In questi anni, senza il Sig. Alonso, che con impegno e bravura ha limato le magagne della macchina, la ferrari avrebbe fatto pena…
    Invece di ringraziarlo, lo mettono alla porta..
    Complimenti !

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati