F1 | Wolff: “Wehrlein non era pronto per diventare compagno di Hamilton”

Il boss Mercedes ha spiegato perché il team ha preferito l'esperienza di Bottas alla freschezza di Wehrlein

F1 | Wolff: “Wehrlein non era pronto per diventare compagno di Hamilton”

Per lungo tempo è stato vicinissimo al sogno di una vita, ma alla fine Mercedes ha scelto diversamente. Stiamo parlando di Pascal Weherlein, sostituto designato di Nico Rosberg cui è stato però preferito l’ex pilota Williams Valtteri Bottas.

A spiegare le ragioni di questa scelta è stato il boss del team tedesco Toto Wolff, convinto che la squadra abbia fatto la scelta giusta per il 2017.

“È stato necessario valutare tutte le opzioni presenti sul mercato piloti – ha detto alla Gazzetta dello Sport – avevamo bisogno di un pilota esperto e veloce e abbiamo deciso che per Wehrlein era troppo presto diventare compagno di Hamilton. Per lui e Ocon abbiamo il nostro programma progettato per due o tre anni”.

Da qui lo sbarco di Wehrlein in Sauber, accordo che non metterà in dubbio la collaborazione del team svizzero con la Ferrari.

Wolff si è detto inoltre convinto della scelta di Bottas, trattativa che ha comunque richiesto una forte opera di convincimento verso il team Williams: “Claire Williams è una donna d’affari intelligente, ma non abbiamo parlato solo di questioni finanziarie; la Williams aveva bisogno di un pilota esperto e abbiamo dovuto convincere Massa a tornare. Ma alla fine siamo tutti felici”.

Le aspettative sul nuovo arrivo sono tante anche se servirà tempo per spingerlo ad alti livelli: “Ci aspettiamo di vederlo in grado di guidare a livello di Nico Rosberg. Abbiamo bisogno che lui e Lewis si motivino l’uno con l’altro per ottenere le stesse atmosfere che hanno portato alle prestazioni di Nico e Lewis”.

Nella speranza che i conflitti interni siano ridotti al minimo Wolff ha anche allontanato le polemiche sulla durata piuttosto breve del contratto di Bottas: “Se Valtteri combatte per il campionato o se diventa campione rimarrà con la Mercedes”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati