F1 | Wolff avverte la Mercedes: “La stagione del 2022 sarà un terremoto”

"Ci sono fattori che sono contrari a noi e che ci motivano a dare il meglio", ha proseguito l'austriaco

Wolff ha parlato delle modifiche regolamentari che entrano in vigore nel 2022
F1 | Wolff avverte la Mercedes: “La stagione del 2022 sarà un terremoto”

In una lunga chiacchierata concessa ai microfoni di Autosport, Toto Wolff ha parlato dei regolamenti tecnici che entreranno in vigore a partire dalla stagione 2022, evidenziando come per Mercedes siano un vero e proprio ostacolo da affrontare e superare. Dopo i numerosi successi degli ultimi anni, la scuderia Campione del Mondo dovrà nuovamente mettersi alla prova, cercando di estrarre il massimo da un concetto di auto profondamente diverso rispetto al passato. Una sfida importante che deve spingere l’intera squadra a dare il 110%.

“Il 2021 sarà un anno interessante per noi”, ha dichiarato il Manager austriaco. “Dovremo strutturarci in modo diverso rispetto a quanto abbiamo fatto in precedenza per via del budget cap. I regolamenti saranno leggermente modificati per il 2021 e sostanzialmente cambiati nel 2022. Le variazioni saranno un grande terremoto”.

“Ci sono fattori che sono contrari a noi e che ci motivano a dare il meglio”, ha proseguito. “Altri, invece, che ci sono favorevoli. Noi crediamo di avere un’ottima organizzazione interna e questo dovrebbe aiutarci. Ma, nel complesso, noi abbracciamo il cambiamento come abbiamo sempre fatto in passato. Quindi non vediamo l’ora che arrivi il 2022”.

Sul rapporto con gli altri investitori ha invece affermato: “La collaborazione con Ola Kallenius, Daimler e il CdA è il migliore possibile. Guardare al futuro non è sempre così semplice. Si tratta di parlare tra gli azionisti per stabilire quali priorità avere per il futuro. Si tratta di qualcosa che richiede tempo. In tutte le aziende non si risolve da un giorno all’altro ogni questione di governance e di futura partecipazione azionaria. Quanto accaduto è il modo normale di fare le cose”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati