F1 | Vettel sul futuro: “Tornerei alla configurazione a dodici cilindri”

"Personalmente rimuoverei anche le batterie", ha affermato il tedesco

Vettel ha parlato dei regolamenti per il futuro, sottolineando come il sogno sarebbe quello di tornare alle configurazioni storiche della Formula 1
F1 | Vettel sul futuro: “Tornerei alla configurazione a dodici cilindri”

Intercettato dal quotidiano Kolner Express, Sebastian Vettel ha parlato delle modifiche da applicare all’attuale regolamento sportivo, sottolineando come Liberty Media dovrebbe compiere un passo indietro, introducendo nuovamente i motori V12.

Un punto di vista che non risulta una vera e propria novità, dato che il tedesco si è sempre detto a sfavore delle attuali configurazioni V6 associate a un sistema ibrido.

“Il mio primo atto da responsabile sarebbe quello di raddoppiare il numero dei cilindri”, ha affermato il quattro volte campione del mondo della Ferrari. “Personalmente rimuoverei anche le batterie. Ok, servono per accendere la vettura, ma per il resto non le ritengo necessarie”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Zac

    28 Gennaio 2020 at 18:02

    L’opinione di Vettel sulla tecnica motoristica, a livello ingegneristico, lascia a desiderare.
    I motori a combustione interna dimiuiscono la loro efficienza quando la cilindrata unitaria si riduce.
    L’efficienza di un 3000cc a 12 cilindri è molto più bassa di un 4000cc a 12 cilindri, e di quest’ultimo con quella di un 5000cc. Inoltre l’efficienza dei turbo, ad elevato numero di giri al minuto, è maggiore rispetto agli aspirati.
    Questo significa anche imbarcare una maggiore quantità di carburante per la gara.
    Il 4 cilindri 1500cc BMW turbo, dopo sole ventisette gare si aggiudicò il campionato piloti del 1983, con il brasiliano Nelson Piquet.
    Il 12 cilindri è un oggetto di culto, ma per un’azienda motoristica è uno spreco di risorse, quindi una decisione irresponsabile.

  2. Susan

    29 Gennaio 2020 at 10:22

    Cosi’parlo’ Zaratustra!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati