F1 | Sainz crede nella Ferrari: “L’unica squadra che può ribaltare le cose rapidamente”

Lo spagnolo infastidito da chi gli chiedeva se si fosse pentito della firma con la Rossa

F1 | Sainz crede nella Ferrari: “L’unica squadra che può ribaltare le cose rapidamente”

Carlos Sainz non ha nascosto di essersi infastidito più volte quando gli hanno chiesto se si fosse pentito di aver firmato per la Ferrari, considerata la crisi della Rossa nel 2020.

Il pilota spagnolo lascia una McLaren in forma brillante e in grande crescita per abbracciare la causa di Maranello, squadra apparsa obiettivamente in grande difficoltà in un 2020 avaro di soddisfazioni, annus horribilis di cui si è già ampiamente discusso.

Ciò che preme sottolineare è invece la fiducia che il neo ferrarista ripone nella resilienza Scuderia, quella capacità di rialzarsi in fretta dopo momenti bui, più volte ammirata nella lunga storia del Cavallino.

Sainz crede che la Ferrari sia l’unica squadra, per storia e risorse, capace di ribaltare le cose velocemente e confida che il 2021 – anno comunque di transizione verso la rivoluzione regolamentare – possa comunque essere già notevolmente diverso dal 2020.

La Ferrari d’altronde già nella stagione passata aveva mostrato timidi progressi dal punto di vista aerodinamico, restando però condannata in modo esiziale dalla pochezza della sua power unit, con la SF1000 letteralmente umiliata sulle piste di motore. Non è un mistero che per risalire la china il primo ingrediente da non sbagliare nel pacchetto che verrà sarà proprio il motore, lì si gioca la partita fondamentale per avvicinare quel terzo posto che Binotto ha definito “l’obiettivo minimo naturale per una squadra come la nostra“.

“Le molteplici insinuazioni sull’errore di essere andato in Ferrari sono state fastidiose, perché sembra che tutti siano convinti che nel 2021 la Ferrari andrà male come nel 2020 quando in F1 non puoi mai fare previsionicosì ha affermato Carlos Sainz ad Autosport E’ chiaro che la Ferrari ha deluso nel 2020, lo sa in primis la squadra, ma non si può già dire lo stesso del 2021. Ho un accordo biennale con il Cavallino, e il 2022 sarà un anno totalmente nuovo per tutti e sicuramente più importante di questo. Per fortuna non ho mai detto qualcosa di cui potessi pentirmi, ma è stato noiosi ricevere sempre la stessa domanda. Da fuori, senza guidare l’auto, a me sembra che la Rossa sia comunque migliorata, sono stato felice di vedere che facevano passi avanti”.

Ancora una volta poi, Carlos dimostra di tenere in altissima considerazione il potenziale di Maranello, unica squadra secondo lui in grado di recuperare terreno e rialzare la testa velocemente:

“L’ho sempre detto; per me se c’è una squadra che in Formula 1 può cambiare rapidamente le cose quella è la Ferrari. Certo, la Mercedes di oggi anche potrebbe farlo, ma la Ferrari più di chiunque altro. Lo dicono la sua storia, le persone che ci lavorano, le risorse a disposizione. E sono felice di vedere che questo miglioramento è già iniziatoha concluso il ferrarista.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati