F1 | Racing Point, Nico Hulkenberg: “Questa stagione di Formula 1 è incredibile!”

"Alle 11 prendevo un caffè, poche ore dopo ero in macchina. Che gran premio di casa inaspettato!"

F1 | Racing Point, Nico Hulkenberg: “Questa stagione di Formula 1 è incredibile!”

Si sa, conosciamo i supereroi, e come tale, all’incredibile Hulk piace apparire al momento del bisogno, inaspettatamente, causando scalpore: ed è proprio così che è andata anche oggi, dopo che la Racing Point ha reso noto che Lance Stroll non sarebbe potuto scendere in pista per questo weekend.

Il canadese, che ieri è rimasto in attesa nei box, non sta molto bene, con un malessere tale da costringerlo a cedere il suo sedile. E ancora una volta, in soccorso della pantera rosa, è arrivato Nico Hulkenberg: il pilota tedesco stava prendendo un caffè con un amico questa mattina, quando la fatidica chiamata è arrivata, e lui, puntuale, ha risposto. Nico è entrato nel paddock verso le 13, ormai alla fine dell’unica sessione di prove libere disputata dai suoi colleghi. Hulk ha saggiato il tracciato del Nurburgring solo all’inizio del Q1, facendo praticamente due tentativi per il giro veloce. Ovviamente, la mancanza di esperienza sul tracciato e la mancanza di confidenza con la vettura non hanno permesso a Nico di ripetere l’impresa di Silverstone, quando invece sostituì Sergio Perez, risultato positivo al Covid-19. Il nostro incredibile Hulk partirà dalla ventesima posizione, ma chissà che le pazze condizioni meteo domani non possano aiutarlo in un’altra impresa. Certo è che Hulkenberg, nonostante lo scarso risultato odierno, continua ad essere tra quei piloti degni del suo nome, ed è davvero un peccato che possiamo rivederlo in pista solo per spiacevoli occasioni, come il malessere di Stroll.

Beh, questa è proprio da raccontare nei libri! – ha esordito il tedesco, ancora sorpreso – è stata sicuramente una stagione di F1 interessante. Ho ricevuto la chiamata da Otmar alle 11: ero seduto a prendere un caffè con un amico. Sono salito in macchina e sono corso qui più veloce che potevo. Ho fatto tutti i controlli richiesti per il Covid, e solo una quarantina di minuti per confrontarmi con gli ingegneri prima di salire in macchina per la qualifica.

Ovviamente il risultato non è stato dei migliori, ma mi sono divertito e ho raccolto i dati necessari – ha spiegato Hulk – conosco il tracciato, è da un po’ che la F1 non corre qui, e la RP20 è cresciuta molto rispetto a Silverstone. Sono andato in pista, ho preso confidenza con la vettura, il grip, ho trovato miei limiti il più veloce possibile. Fare tutto questo in pochi giri è assurdo, ma è una esperienza grandiosa. Assimilerò tutto e tornerò in macchina domani, per correre e fare del mio meglio per questo inaspettato gran premio di casa“.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati