F1 | Pagelle GP Spagna – Hamilton straripante, Verstappen eccelle, Vettel irruente

Bottas non può nulla contro Lewis, fanno bene Magnussen, Sainz e Kvyat

F1 | Pagelle GP Spagna – Hamilton straripante, Verstappen eccelle, Vettel irruente

Lewis Hamilton 10 Si riprende  prepotenza quanto gli viene tolto in qualifica dal compagno Bottas. La partenza è fulminea e il ritmo è inavvicinabile per chiunque, prodi boscaioli compresi. Una prova di forza per mettere le cose in chiaro, forse anche all’interno del team. TRAVOLGENTE

Valtteri Bottas 8,5 La pole è un vero capolavoro, ma per certi versi sciupa un po’tutto, con una partenza non idilliaca, perdendo contatto, incapace di incollarsi agli scarichi dell’indiavolato compagno di  squadra. Si porta a casa il secondo posto e continua a coltivare sogni iridati, ma tra le curve catalane può ben poco contro Lewis. INERME 

Max Verstappen 9 Bravo in qualifica a piazzarsi in seconda fila, scaltro in partenza ad approfittare dei tentennamenti dei rossi e a guadagnare un bronzo che terrà fino alla fine, riuscendo a gestire senza troppi patemi la pressione di Vettel negli ultimi giri. La facilità con cui porta a risultato una Red Bull che non eccelle dà la dimensione della velocità e della maturità del talento olandese. Rendimento a livelli altissimi. IMPRESSIONA

Sebastian Vettel 6,5 O la va o la spacca e diciamo che se non l’ha spaccata sicuramente l’ha spiattellata (la gomma). Ed è così che la partenza eroica diventa il primo problema. Il secondo è gestire i cambi di posizione con Leclerc, tutto per raccogliere le briciole di un quarto posto. NON HO DETTO GIOIA MA…

Charles Leclerc 6,5 Meno preciso di Vettel in qualifica,  smanioso in gara, si perde anche lui nel gioco delle posizioni con Seb, lasciami passare che poi ti do strada, tanto invertendo l’ordine dei fattori il risultato non cambia. Alla fine quinto parte e quinto arriva. MOLTO RUMORE PER NULLA

Pierre Gasly 6 Fa il minimo sindacale, niente di paragonabile ai numeri di Max.

Kevin Magnussen 7,5 Corridore vero, deciso nei duelli, non fa sconti a nessuno, nemmeno al compagno di squadra, e il settimo posto è un risultato importante per lui e per la scuderia americana. SPAVALDO 

Carlos Sainz 7 Davanti al pubblico di casa costruisce una buona gara con grande intelligenza. Strategia impeccabile, con lo spagnolo bravo a massimizzare il potenziale di una McLaren discreta ma non certo devastante. CONCRETO

Daniil Kvyat 7 Nono in prova e in gara, il russo affronta Barcellona con il piglio dei giorni migliori, dimostrando di poter essere di grande aiuto alla Toro Rosso per esperienza e velocità. VOLITIVO

Roman Grosjean 6,5 Perde il duello ruota a ruota con Magnussen e nelle ultime fasi di gara viene infilato da Sainz e Kvyat. Nel complesso però il fine settimana è positivo e il primo punticino conquistato è una boccata di ossigeno.

Daniel Ricciardo 6 Corre bene ma la penalità in griglia lo penalizza per la lotta ai punti (lotta ma non ha lo spunto per superare le vetture avanti). Fa relativamente meglio Nico Hulkenberg (7) che partito dal fondo chiude alle spalle del team mate con una strategia ad una sola sosta e pedalare. Ma è una Renault davvero deludente.

Kimi Raikkonen 5 Male l’Alfa Romeo Racing su questa pista – già nei test invernali l’italo-svizzera faticava a trovare la giusta velocità su questo tracciato – con Kimi che salva il salvabile in qualifica, ma non riesce a fare la differenza in gara, complice anche un’improvvida escursione sulla ghiaia in partenza che gli complica tutta la gara. RIVEDIBILE

Sergio Perez 5,5 Racing Point non pervenuta dopo aver brillato a Baku. Lui riesce a superare il taglio del Q1 ed è già un piccolo merito.

Antonio Giovinazzi 5,5 Vede la bandiera a scacchi ed è già qualcosa, perché ha davvero saturno contro. Lamenta problemi ai freni per tutto il week-end, gli sostituiscono il cambio facendogli perdere ulteriori posizioni in griglia e dulcis in fundo la C38 su questa pista non si muove da terra.

Lando Norris 5 Il solito gran potenziale che si intravede, ma stavolta è un po’ troppo ottimista in un tentativo di sorpasso a Lance Stroll (5), con i due che escono dalla disputa nell’indifferenza generale dopo essersi malamente toccati in curva 1.

Altri: Alex Albon (6), George Russell (5), Robert Kubica (5).

GP Spagna 6,5 Noiosetto con sprazzi di vivacità grazie alla lotta a metà gruppo per la zona punti. Il dominio Mercedes è indisturbato e stavolta anche i dioscuri di Brackley non si danno fastidio tra di loro.

Antonino Rendina

F1 | Pagelle GP Spagna – Hamilton straripante, Verstappen eccelle, Vettel irruente
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Roberto

    Roberto

    14 maggio 2019 at 08:16

    Verstappen deve solo ringraziare la lentezza del muretto Ferrari nell’attuare in gara le strategie che avrebbero portato almeno una delle Ferrari ad arrivargli davanti. perchè in ferrari se avessero fatto passare subito Leclerc davanti a Vettel e avessero fatto altrettanto con Vettel quando si è trovato dietro il monegasco, avrebbero perso tantissimo tempo in meno e la gara avrebbe avuto un altro bilancio per le rosse. Certo stiamo parlando sempre del terzo posto, mica della vittoria, ma sono sempre briciole che se ne vanno…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati