F1 | Pagelle GP Italia – l’inferno rosso si trasforma in un “inferno PER la Rossa” e Lewis si prende tutto, anche i fischi

Hamilton fa all-in, Vettel sembra non volere vincere più: le pagelle del GP di Monza 2018

F1 | Pagelle GP Italia – l’inferno rosso si trasforma in un “inferno PER la Rossa” e Lewis si prende tutto, anche i fischi

Lewis Hamilton si prende tutto: vittoria, formazione in parata con Bottas, coppa e champagne, fischi. Nel Gran Premio dell’Inferno Rosso, dove i proclami per la Ferrari sono partiti già da una settimana, l’inglese approfitta, ringrazia, e prende 25 punti facili in un GP d’Italia (voto 9 complessivamente, il calore è stato da 1000!) dove non aveva dominato e i podio sarebbe stato già un risultato ottimale. Vettel sembra non volere vincere più.

Hamilton 10: checché se ne voglia dire, ha fatto tutto alla perfezione: sorpasso su Vettel, sorpasso su Raikkonen, pit-stop, gioco di squadra con Bottas, fino alla vittoria. E i fischi sono un’aggiunta. Allunga in campionato in uno dei weekend più difficili, sulla carta, dove l’inferno rosso era stato scatenato già da settimana scorsa.

Raikkonen 9: la pole position di ieri ha già ricevuto i meritati applausi, con ogni record battuto e stracciato, oggi la partenza è stata pulita e le due difese su Vettel pure. Ha dovuto mollare con delle gomme che a momenti esplodevano e va bene così, considerando che si vocifera già di un suo addio certissimo.

Bottas 7: che vergogna e che caduta di stile! Il podio ci sta tutto, ma ammettere pubblicamente davanti a un microfono che “il mio obiettivo era fermare Raikkonen” fa parte delle 5 cose che non dire mai che si insegnano ai tempi del kart. Meriterebbe 0, ma alla fine il terzo posto gli alza la media. Troppo buona!

Vettel 5: non merita neanche la sufficienza, perchè se hai 100mila persone che urlano il tuo nome dal mercoledì mattina, e le bandiere, gli striscioni, e le lacrime, e ti stai giocando il mondiale e sei indietro rispetto al tuo avversario e hai punti da recuperare e parti davanti in griglia… beh, allora non puoi fare così. Stai per essere superato, al primo giro, sei un quattro volte campione del mondo e c’è una gara intera per recuperare. E allora no, l’incidente è colpa tua, sembra che non lo voglia vincere proprio questo titolo. E gli errori contano.

Verstappen 7: ha fatto una buona gara considerando le premesse del weekend. Penalità giusta? Non l’ha comunque accettata e ha dato filo da torcere fino alla fine.

Grosjean 8: ottima gara e porta la Haas al quarto posto, cosa aggiungere?

Ocon 8 e mezzo: da quando gli hanno tolto il sedile vola più che mai.

Perez 7 e mezzo: buona gara, niente da aggiungere.

Sainz 7: il weekend da 24enne inizia nel migliore dei modi, ottimi punti e un motivo in più per festeggiare!

Stroll, Sirotkin, Leclerc, Vandoorne voto 6 e mezzo: gare ok, niente di più e niente di meno. Partiti e arrivati, tutto nella norma. E che sorpresa allora.

Hulkenberg 5: dopo il botto di Spa a Monza ci si aspettava una bella “rivincita” ma la rimonta non è andata molto a buon fine…

Gasly 5: limbo tra i migliori e i peggiori.

Ericsson, Magnussen 5: il primo ringrazia di essere ancora sano e salvo e intero, il secondo non replica la buona prestazione del compagno

Ricciardo S.V. non voglio infierire di più rispetto a quanto già subito a partire dal venerdì… la sfortuna non lo abbandona per nulla!

Alonso 6: mi piange il cuore vederlo lì, meriterebbe di più ma l’erroraccio della qualifica abbassa la media

Hartley SV

 

Fabiola Granier

 

F1 | Pagelle GP Italia – l’inferno rosso si trasforma in un “inferno PER la Rossa” e Lewis si prende tutto, anche i fischi
2.3 (45.71%) 28 votes
Leggi altri articoli in In Evidenza

Lascia un commento

7 commenti
  1. Magu

    2 settembre 2018 at 20:16

    memoria corta….Gp Ungheria ’17 con Raikkonen a lavorare ( molto bene) a protezione di Vettel rinunciando a vincere pur essendo più veloce x fare vincere il compagno di squadra…eeehh se lo fanno in Mercedes tutto brutto..viva la coerenza

  2. Kevinli

    2 settembre 2018 at 22:00

    C’è poco da recriminare, senza gli errori di Vettel eravamo primi in classifica e anche di parecchio.
    un 4 volte campione del mondo non può commettere tutti questi errori da pivello.
    Il titolo lo sta perdendo lui.
    Ok l’ordine a bottas di rallentare kimi è scandaloso, ma mai quanto tutti gli errori di vettel.

  3. frankye

    2 settembre 2018 at 22:07

    Pivettel colpisce ancora

  4. Roby Bad

    2 settembre 2018 at 23:05

    Io darei voto 2 alla Ferrari
    Senza una vera strategia alla partenza
    Lo dimostra la staccatona di Raikkonen ai danni dello stesso Vettel alla prima curva.
    Ha chiuso la strada a Vettel lasciandolo alla mercé di Hamilton.
    Ricorda l’incidente dello scorso anno quando partirono anche in quel caso in prima fila
    Mentre la Mercedes ha dato lezioni di strategia
    Così il mondiale non lo vinceremo mai !!!

  5. iceman82

    3 settembre 2018 at 13:10

    Raikkonen merita un 10 e lode. Perché all’età di 38 anni è ancora altamente competitivo, e senza quei tre ritiri, e strategie pro-vettel, sarebbe li a giocarsi il titolo.
    X Magu, non bisogna andare così dietro: Hockenheim, 2018. Ordine di scuderia. Raikkonen fa passare Vettel che si spalma sulle barriere.
    del 2017 dimentichi anche la porcata fatta a Monaco: lo scorso anno Raikkonen ha fatto vincere 2 gare al crucco rosso, che sogna di essere schumacher, che è sospinto dalla stampa, ma che a mio avviso è sopravvalutato.
    Raikkonen è più forte, per questo lo faranno fuori a fine anno: leclerc sarà più malleabile.

  6. Magu

    3 settembre 2018 at 16:39

    Ho fatto riferimento al Gp di Ungheria perché Kimi è stato per tutta la gara a protezione….certo che ricordo anche gli altri episodi..solo chi non vuole non li ricorda e si scagliano contro gli avversari..GIORNALISTI in primis…

  7. Francesco

    3 settembre 2018 at 22:38

    Come al solito gli italiani si sono dimostrati per quello che sono: un popolo di bifolchi, ignoranti e antisportivi!!!
    Se Sebastiano si fosse risparmiato quel “abbiamo vinto a casa loro!!! ah, ah, ah, bravi racaxxi!!!” magari ci faceva più bella figura…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati