F1 | Le pagelle del GP di Gran Bretagna

Leclerc il migliore, si rivede Ricciardo, Hamilton scorretto

F1 | Le pagelle del GP di Gran Bretagna

Lewis Hamilton 6 Ha vinto perché è un fuoriclasse alla guida e perché la Mercedes è notevolmente più forte della Ferrari. Ma è responsabile del contatto con Verstappen in un troppo ottimistico tentativo di sorpasso ed è troppo facile lasciarsi andare – in modo irriguardoso e poco sportivo – a festeggiamenti da ultrà dopo aver mandato il più veloce in pista, nonché rivale diretto, a muro.

Max Verstappen 9 Mette le cose in chiaro nella Sprint Race. E’ il più forte e in forma attualmente, ingiustamente messo ko dal rivale al titolo. Lo troveremo alquanto iracondo in Ungheria.

Charles Leclerc 9,5 Il piccolo Gilles quando non pecca di irruenza è uno spettacolo per gli occhi, esaltando oltre i limiti della monoposto il potenziale di una Ferrari quanto mai brillante e viva. Passo da campione, fa sognare, è un bel secondo posto, con un pizzico di rimpianto.

Valtteri Bottas 6,5 Terzo podio consecutivo da buon scudiero, ma è surclassato da Leclerc che guida una monoposto non all’altezza della Mercedes. Il solito compitino.

Lando Norris 6,5 Massimizza il potenziale della McLaren, non prima di aver steso un bel tappeto rosso al connazionale Hamilton.

Daniel Ricciardo 6,5 Si è rivisto il Daniel tosto, difficile da passare, difende con il coltello tra i denti la sesta piazza dall’attacco di Sainz. Tonico.

Carlos Sainz 6,5 Dà spettacolo rimontando posizioni durante la Sprint Race dopo il contatto con Russell. Nel GP scatta decimo ed è autore di una bella prima parte di gara. Poi monta le gomme hard e si pianta mestamente dietro Ricciardo. Gli manca lo spunto. Danneggiato dalla squadra con un pit stop antidiluviano.

Fernando Alonso 7,5 Va applaudito soltanto per il modo con cui lotta e interpreta lo spirito della competizione, se poi ci mettiamo che non cede un millimetro e chiude in una ottima settima piazza…è un leone.

Lance Stroll 6,5 Di governo e non di lotta, ma la sua rimonta dalla quattordicesima all’ottava piazza è notevole.

Esteban Ocon 6 Ormai regolarmente bastonato da Alonso e apparso in calo netto dopo il rinnovo, questi due punticini di Silverstone sono una buona boccata d’ossigeno e sono utili al team.

Yuki Tsunoda 6,5 Su una pista selettiva e impegnativa è bravo a tenersi lontano dai guai e a gestire le mescole, il suo primo stint è davvero positivo.

Pierre Gasly 6,5 Lacrime di rabbia in mixed zone per aver perso punti a causa di una improvvida foratura. Corre bene, come al solito.

George Russell 5,5 Inizia a diventare preoccupante la differenza tra la straordinarietà delle performance sul giro singolo e la “normalità” della prestazione in gara.

Sergio Perez 4 In odore di rinnovo e sta facendo di tutto per farsi cacciare via, tra scorrettezze in Austria ed errori a Silverstone. Sembrava aver spiccato il volo anche con la Red Bull, ma queste ali difettano un po’…

Sebastian Vettel 5 Si fa notare più per le battaglie ambientali che per quelle in pista. Il testacoda è il grande errore che non volevamo rivedere.

Kimi Raikkonen 5 L’acuto più bello è nella Sprint Race, dove rimonta 4 posizioni. Poi è un insieme di escursioni sull’erba e contatti. Disunito.

Antonio Giovinazzi 5,5 Bravissimo sul giro secco, anonimo in gara.

Mick Schumacher 5, Nikita Mazepin 6, Nicholas Latifi 5

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati