F1 | Nel 2021 il Circus corre in Arabia Saudita

L'evento si svolgerà in notturna tra le strade di Jeddah

"Pubblicheremo il nostro calendario provvisorio completo per il 2021 nelle prossime settimane", ha detto il CEO del Circus uscente Chase Carey
F1 | Nel 2021 il Circus corre in Arabia Saudita

Tra le novità che caratterizzeranno il Mondiale 2021 di Formula Uno ci sarà anche la presenza del Gran Premio dell’Arabia Saudita. È di poche minuti fa l’ufficialità dell’accordo tra a Liberty Media e la Federazione saudita di automobili e motocicli (SAMF) per fare correre il Circus  tra le strade di Jeddah, lungo le rive del Mar Rosso, in una gara che si disputerà in notturna. I restanti appuntamenti che comporranno il calendario iridato del prossimo anno saranno comunicati a tempo debito.

Per la Formula Uno non è certamente una novità correre in notturna. Difatti ci sono già le corse in Bahrain, Singapore e Abu Dhabi che si disputano sotto i riflettori.

Siamo entusiasti di dare il benvenuto all’Arabia Saudita in Formula 1 per la stagione 2021. L’Arabia Saudita è un paese che sta rapidamente diventando un centro per lo sport e l’intrattenimento con molti eventi importanti che si svolgono negli ultimi anni e siamo molto lieti che la Formula 1 correrà lì dalla prossima stagione”, ha dichiarato l’attuale CEO della Formula Uno Chase Carey che dal prossimo anno cederà il timone del Circus a Stefano Domenicali.

Carey ha poi aggiunto: “La regione è estremamente importante per noi e con il 70% della popolazione saudita sotto i 30 anni, siamo entusiasti del potenziale per raggiungere nuovi fan e portare ai nostri fan esistenti in tutto il mondo gare emozionanti da una cornice incredibile e storica. Pubblicheremo il nostro calendario provvisorio completo per il 2021 nelle prossime settimane e sarà sottoposto all’approvazione del World Motor Sport Council”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati