F1 | Monisha Kaltenborn spinge Liberty Media: “Spero vengano eliminati certi privilegi economici”

Il team principal Sauber contro il Patto della Concordia: "Credo che bisognerà rivedere il sistema. La priorità deve essere quella di rendere le gare più interessanti"

F1 | Monisha Kaltenborn spinge Liberty Media: “Spero vengano eliminati certi privilegi economici”

Monisha Kaltenborn, capo della Sauber, ha chiesto in maniera decisa ai nuovi proprietari della Formula 1, Liberty Media, la progettazione di un nuovo sistema di allocazione del capitale tra le squadre di F1 che sia più giusto ed equo tra tutti i team, senza nessun tipo di beneficio per Ferrari, Mercedes, Red Bull, Williams e McLaren, che ricevono un bonus indipendentemente dalla posizione in cui hanno concluso la stagione precedente.

Secondo Monisha Kaltenborn il vecchio Patto della Concordia determinerà ancora la categoria economia della Formula 1:. Proprio al fine di ridurre lo svantaggio del team svizzero dalle altre squadre, il team principal spera che Liberty abbia in mente qualche cambio di organizzazione: “Spero proprio che non si trascineremo fino al 2020 – ha spiegato la manager in un’intervista a Racer.com – e sono sicura che quando delle persone fanno un investimento di una certa portata, inizino a lavorare sin da subito e non dopo alcuni anni. Ho ascoltato le idee dei nuovi proprietari e non vedo come il sistema attualmente in funzione possa andare avanti fino al 2020, specie se certi privilegi economici continueranno a essere garantiti indipendentemente dai risultati in pista“.

Poi la Kaltenborn ha continuato: “Se vogliamo rendere la competizione più avvincente, non possiamo continuare a ragionare in questo modo. Quindi, credo che bisognerà rivedere il sistema partendo da nuove basi e spero che ciò avvenga il prima possibile. La priorità deve essere quella di rendere le gare più interessanti, perché alla fine ciò che conta davvero è che lo sport sia eccitante per gli appassionati”.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati