F1 | McLaren, Seidl sul round di Montreal: “In Canada porteremo delle nuove componenti”

Sul tracciato ha aggiunto: "Si tratta di un layout cittadino, ma che viene affrontato a velocità molto elevata"

Seidl non vuole cali di concentrazione dopo gli ottimi punti conquistati da Carlos Sainz a Monaco
F1 | McLaren, Seidl sul round di Montreal: “In Canada porteremo delle nuove componenti”

Intervistato dalle colonne del sito ufficiale McLaren, Andreas Seidl ha parlato del prossimo Gran Premio del Canada, settimo appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1, sottolineando come la scuderia inglese voglia mantenere e ottime performance mostrate in questa prima parte di campionato.

Nonostante i punti conquistati da Carlos Sainz e Lando Norris, infatti, il nuovo Team Principal del team di Woking non vuole cali di concentrazione per questa parte centrale di mondiale, visto che la lotta con i diritti competitor risulta più combattuta che mai.

L’obiettivo, proprio in tal senso, sarà cercare di massimizzare ogni risultato possibile da qui alla fine del campionato, lavorando inoltre sviluppo e sulle attività che vengono svolte durante ogni week-end di gara.

“Ci dirigiamo verso il Canada, incoraggiati dall’impeto delle ultime gare e dalla consapevolezza che siamo progredendo”, ha aggiunto. “Continuano a sviluppare l’auto e anche a Montreal porteremo nuove componenti. Le nostre operazioni in gara hanno fatto la differenza, soprattutto quando si è trattato di conquistare punti, e vogliamo continuare a mantenere in alto i nostri standard. Strategia, pit stop e gara sono aree chiavi in tal senso”.

Sul tracciato di Montreal ha aggiunto: “Il circuito offre alcune sfide. Si tratta di un layout cittadino, ma che viene affrontato a velocità molto elevata. Le auto e il clima hanno spesso determinato il risultato, ragion per cui dovremo farci trovare preparati”.

F1 | McLaren, Seidl sul round di Montreal: “In Canada porteremo delle nuove componenti”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati