F1 | Marko rivela: “Verstappen era in lacrime dopo l’incidente a Monaco”

"È abbastanza veloce. Non deve costantemente dimostrare di essere il più veloce, non ha bisogno di quello"

F1 | Marko rivela: “Verstappen era in lacrime dopo l’incidente a Monaco”

Helmut Marko, il consigliere della Red Bull, ha fatto una rivelazione abbastanza sorprendente su MAx Verstappen. L’olandese, infatti, era “in lacrime” dopo l’incidente durante la sessione di FP3 nel GP di Monaco. Un incidente determinante, perchè non gli ha dato la possibilità di prende parte alle qualifiche ed è stato costretto alla partenza dal fondo della griglia in un circuito dove superare, lo sappiamo, è davvero complicato. Quell’incidente è stato per lui davvero importante, poichè dopo una prima parte di stagione davvero sottotono, gli ha, forse, dato la spinta per fare una seconda metà di campionato davvero spettacolare

Marko ha messo gli errori iniziali di Verstappen, giustificati da una travolgente necessità di dimostrare di essere il pilota più veloce sulla griglia: “Max non è stupido, era in lacrime ai box, e questa cosa lo ha fatto riflettere”, ha detto Marko a Motorsport-Total. “È abbastanza veloce. Non deve costantemente dimostrare di essere il più veloce, non ha bisogno di quello. Ha una reputazione nelle lotte in pista, è meglio se non si scherza con lui”, ha commentato.

Marko ha anche confermato su cosa avrebbe dovuto lavorare su Verstappen, oltre a dire cosa avrebbe dovuto fare il pilota della Red Bull nella sua lotta con Sebastian Vettel in Cina: “I problemi di base erano una certa mancanza di controllo e impazienza. Prendiamo l’esempio di Vettel in Cina. Doveva solo aspettare di sorpassare dopo il tornante – la nostra trazione sulle gomme e sul telaio era migliore, quindi sarebbe passato senza intoppi”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Roby Bad

    15 Gennaio 2019 at 22:10

    Davvero una grande reputazione nei duelli…

  2. Pingback: F1 | Red Bull, Verstappen: “I weekend come Cina e Monaco sono necessari per diventare più forte”

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati