F1 | Malumori nel paddock di Zeltweg: otto team contestano le gomme Pirelli 2019

Solo Mercedes e McLaren al momento favorevoli agli pneumatici attuali

F1 | Malumori nel paddock di Zeltweg: otto team contestano le gomme Pirelli 2019

Stanno emergendo alcuni malumori all’interno del Circus della Formula 1, pronto a disputare il Gran Premio d’Austria, nona prova del mondiale. Stando a quanto riportato da Auto Motor und Sport, ci sarebbe un grosso malcontento da parte della quasi totalità dei team in merito agli pneumatici forniti dalla Pirelli quest’anno, che ricordiamo sono stati ribassati di 0.4 mm rispetto a quelli della passata stagione (fatta eccezione per le tappe in Spagna, Francia e Gran Bretagna) per evitare l’eccessivo consumo e la formazione del blistering, fenomeno sofferto maggiormente dalla Mercedes. E proprio il team della Stella, insieme alla McLaren, è l’unico a non aver niente da dire in merito alle costruzioni della casa italiana. Ma le ultime gare, considerate dai più noiose e volte al risparmio (e quindi a un ritmo di corsa più lento del dovuto) hanno messo sull’attenti tutti, e domani nel paddock di Zeltweg ci sarà un meeting tra i team principal, la Pirelli e alcuni delegati della FIA.

Gli “accusatori” lamentano il fatto di non essere stati in grado di capire a fondo le gomme: “E’ inutile portare aggiornamenti se poi le gomme non funzionano correttamente”, è la frase più ricorrente tra gli otto team che vogliono una nuova gomma a partire già dalle prossime gare. Ci ha messo la faccia direttamente la Renault, che così come leggiamo sempre tra le righe di AMuS, ammette: “I team spendono milioni per gli aggiornamenti, e quando non si riesce a far lavorare alcuna delle tre mescole di pneumatici, diventa tutto inutile”.

Sembra che dal Gran Premio di Francia la pressione sulla Pirelli sia cresciuta notevolmente: le emittenti televisive hanno lanciato l’allarme, e i tifosi scappano perché le gare sono noiose e prevedibili, e non stanno ricevendo lo spettacolo promesso quando hanno stipulato il contratto con la Formula 1. Ma diciamolo subito: per far sì che Pirelli cambi idea deve venire a mancare la sicurezza, cosa che evidentemente non è tra le problematiche degli pneumatici 2019, e i team vorrebbero tornare alle costruzioni 2018 standard, ma non sarebbe una soluzione facilmente percorribile, visto che Pirelli ha prodotto già le gomme per i prossimi due mesi, perderebbe solo denaro e lavoro. L’incontro è previsto per domattina alle 9, prima della prima sessione di prove libere.

F1 | Malumori nel paddock di Zeltweg: otto team contestano le gomme Pirelli 2019
5 (100%) 4 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti
  1. atta4519

    27 giugno 2019 at 16:47

    SECONDO ME BISOGNA CAMBIARE ANCHE IL FORNITORE DI GOMME,AVERNE DUE O TRE PORTEREBBE A MIGLIORARE LA QUALITA’ E LA CONCORRENZA , E ANCHE LA SICUREZZA, TANTO ORMAI LO SAPPIAMO CHE LA MERCEDES A PAGATO LA PIRELLI PER FARGLI LE GOMME SU MISURA,

  2. Zac

    27 giugno 2019 at 16:58

    Per quest’anno il regolamento non lo permette, se non per ragioni di sicurezza e salvo iniziative FIA.
    Per l’anno prossimo basta una maggioranza di 7 su 10, secondo Marko.
    Lagnarsi è semplice; più complicato sarà mettersi d’accordo per formulare una richiesta univoca, precisa, e indirizzata al giusto interlocutore, considerando che i parametri di costruzione degli pneumatici sono molteplici, e che la Pirelli deve sottostare alle specfiche della FIA.

  3. Victor61

    27 giugno 2019 at 18:12

    sarei curioso di vedere che cosa succederà se nel 2020 la Pirelli modificherà queste maledette gomme e gli 8 famigerati team contestatori continuassero a non vincere una mazza…sarà ancora una volta colpa di quel cattivone di Hamilton che se non esistesse bisognerebbe inventarlo :-))

    • Roby Bad

      27 giugno 2019 at 22:05

      Dipende
      Se Mercedes si mettesse a forare i mozzi (come nel 2018 ribaltando il campionato) senza nessuna sanzione allora continuerebbe a vincere

    • rearweeldrive

      28 giugno 2019 at 00:32

      victor61 lewis di suo ha del talento che ahimè bisogna ammettere(anche se sembra che commissari si comportino con lui con mano”leggera o inesistente”per paura di essere additati da razzisti).il problema è a livello mb dove intrinsecamente ha le mani in pasta nella f1(vedi il fornitore delle safety car,la pressione sulla pirelli per far costruire ad ok le gomme,l’influenza sulla federazione da aggirare regole o mettere in stand by provvedimenti…..ma qui pinuccio,l’inviato di striscia direbbe:COINCIDENZE).

      • Zac

        28 giugno 2019 at 10:00

        Ad hoc.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati