F1 | Hamilton e Verstappen sono due titani: è un mondiale epico

Lewis e Max hanno fatto il vuoto, sono di un altro livello

F1 | Hamilton e Verstappen sono due titani: è un mondiale epico

Usando un termine dei giorni nostri possiamo dire che Lewis Hamilton e Max Verstappen sono letteralmente “ingiocabili” per chiunque, a partire dai due rispettivi compagni di squadra, puntalmente scornati dai loro capitani.

Il pilota della Mercedes e quello della Red Bull, pur diversissimi per guida e approccio alla gara, hanno entrambi portato questa sfida mondiale ad un livello più alto, giganteggiando su ogni tipo di circuito e trasformando uno sport di venti auto in un affascinante incontro di pugilato o di tennis, insomma in un testa a testa dove non c’è posto per nessun altro.

Basti guardare l’andazzo così armonicamente regolare degli ultimi quattro GP. Vige l’equilibrio più totale, con due vittorie di Verstappen e due di Hamilton. E quando è arrivato primo l’uno, l’altro lo ha marcato in piazza d’onore limitando i danni.

Ad Austin e Città del Messico abbiamo ammirato una Red Bull velocissima, con Max che non ha sprecato l’occasione; eppure in entrambe le gare un pur veloce Perez non ha potuto nulla contro Lewis.

Stessa situazione, all’inverso, in Brasile e Qatar. Il binomio Hamilton-Mercedes ha incantato a San Paolo e governato con autorità nel deserto. Ed in entrambe le occasioni, sudando sette camicie tra partenze da fenomeno, difese al (oltre il?) limite, penalità, veleni e sorpassi, Max è restato aggrappato con le unghie alla Freccia Nera n. 44.

Lewis e Max, l’eptacampeao e la furia olandese, sono due titani che ormai corrono e lottano in una dimensione tutta loro, guidano in modo spiritato, estraggono tutto il potenziale possibile dalle loro vetture, non sbagliano un giro. Entrambi in Brasile e Qatar si sono sbarazzati con disarmante facilità di tutte le altre macchine per trovarsi faccia a faccia. Sono loro, sono sempre solo loro due. E sono separati in classifica da pochissimi punti (8).

L’invito va ai loro team e ai loro team principal. Riportassero questa sfida nell’alveo della correttezza che merita, perché vorremmo parlare e raccontare di una battaglia campale tra Achille e Ettore, non di una puntata di “Un giorno in Pretura” con frecciate e reclami dinanzi a giudici tentennanti e poco coerenti.

Gli stessi piloti giocassero gli ultimi due game di questo lungo incontro in modo corretto; sarebbe l’epilogo più spettacolare per un campionato che farà storia a prescindere.

Antonino Rendina


4.4/5 - (5 votes)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati