F1 | Haas, Grosjean e Magnussen pronti per il Gran Premio di casa e i tifosi americani

"E' un orgoglio far parte di questa squadra, i fan rendono tutto più speciale al COTA"

F1 | Haas, Grosjean e Magnussen pronti per il Gran Premio di casa e i tifosi americani

L’incubo messicano è finalmente nel passato, per la Haas, che si appresta a ritrovare i propri fan nel gran premio di casa in Austin, Texas.

Sarà un weekend fondamentale per Gene Haas, proprietario dell’omonimo team, che vedrà correre nello stesso weekend il suo team di Formula 1 al COTA e quello di NASCAR, la Stewart-Haas Racing, a Fort Worth, Texas.

I due mondi troveranno l’occasione per incontrarsi quando Kevin Magnussen e Romain Grosjean proveranno, giovedì, una Ford Mustang sotto le istruzioni e l’occhio vigile di Tony Stewart, tre volte campione della NASCAR Cup Series.

Non ho idea di come sarà – ha commentato Magnussen – non ho mai guidato una NASCAR prima. Sono abbastanza sicuro che sarà molto diverso da quella che guido di solito al COTA. Sarà un’esperienza molto interessante. Una NASCAR è un’auto da corsa così iconica. Sono sempre stato desideroso di provarne una. Certo, di solito è nel suo elemento su un ovale, ma corrono anche su percorsi stradali. Sarà interessante provare e divertirci”.

Sarà una esperienza nuova anche per Romain Grosjean.

Penso che dobbiamo solo premere sui freni un po’ prima di quanto facciamo con un’auto di Formula Uno. Vedremo come il motore risponde alla spinta dell’acceleratore. Non vedo l’ora. Il suono sarà fantastico. Sarà una bella esperienza. Penso che avere Tony Stewart che ci aiuti e ci dia consigli sarà incredibilmente fantastico”.

L’attenzione dei due piloti resta, ovviamente, sul loro weekend di gara ad Austin, che è anche la pista di casa per il team Haas.

Mi dà molto orgoglio far parte di questa squadra. È un grande piacere – ha dichiarato Grosjean – ovviamente, avere un team americano in Formula 1 che è tornato nel 2016, a 30 anni dalla precedente, è stato grande. Ogni anno riceviamo sempre un grande supporto negli Stati Uniti. Ho il Gran Premio di Francia come gara di casa, ma anche quello degli Stati Uniti è molto speciale. Non vedo l’ora. Anche se non è sempre stata la nostra migliore gara, in termini di risultati, diamo sempre il massimo che possiamo. Faremo di nuovo lo stesso quest’anno e, si spera, di rendere orgogliosi i nostri fan”. 

Romain ha certamente bei ricordi sulla pista texana, come la gara del 2013, in cui conquistò un secondo posto guidando una Lotus, ad oggi il suo miglior risultato in carriera.

La partenza fu molto speciale. Le Red Bull erano molto più veloci di noi. Ho dovuto fare qualcosa come 50 giri del gran premio con Mark Webber sul mio cambio. Stava provando tutto il possibile per passarmi. All’epoca avevamo il KERS manuale e lo stavo usando saggiamente in luoghi diversi ogni giro, solo per fare qualcosa di diverso per tenerlo dietro. È stata una gara fantastica. Ho bevuto un po’ troppo champagne sul podio, il che ha reso divertente la conferenza stampa” ha ricordato il pilota francese.

Impaziente per il weekend americano anche Kevin Magnussen.

Non vedo l’ora di essere ad Austin. È la nostra gara di casa, quella in cui vogliamo davvero fare bene. Abbiamo sicuramente ricevuto un sacco di supporto lì e questo fornisce una spinta in più, una motivazione in più. È bello andarci e vedere tutti i fan della Haas con le nostre magliette, specialmente su Haas Hill dove i tifosi si riuniscono. Non siamo mai riusciti a fare performance eccezionali, al COTA, ma è sicuramente quello in cui ci sentiamo a casa e vogliamo fare bene”.

 

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati