F1 | Ferrari, John Elkann: “Il prossimo anno puntiamo al podio, nel 2022 dobbiamo provare a vincere”

"Dobbiamo rispettare i nostri tifosi e dire le cose come stanno", ha affermato il presidente del Cavallino

Elkann, intervistato da Sky Sport, ha analizzato il 2020 della Ferrari con uno sguardo al futuro formato dalla coppia Leclerc-Sainz
F1 | Ferrari, John Elkann: “Il prossimo anno puntiamo al podio, nel 2022 dobbiamo provare a vincere”

La Ferrari sta attraversando uno dei momenti più difficili e delicati della sua storia in Formula Uno. I deficit tecnici della SF1000, palesati anche nell’ultimo appuntamento disputato sulla pista di proprietà del Mugello dove la Scuderia ha celebrato lo storico traguardo dei 1000 GP, non promettono nulla di buono nelle restanti gare di questa stagione.

La Rossa dunque è proiettata ai prossimi anni, ma come affermato dal presidente John Elkann ci vorrà inevitabilmente del tempo per ritornare a vedere una Ferrari competitiva per la vittoria. Per questo Elkann non ha avuto creare false speranze nei tanti tifosi che stanno vivendo un autentico calvario sportivo.

Non c’è niente di peggio che dare delle speranze che non puoi raggiungere – ha dichiarato Elkann, intervistato da Sky Sport – La nostra realtà quest’anno è una realtà nella quale siamo sesti e quarti. Dobbiamo progredire per l’anno prossimo. Progredire vuol dire essere sul podio, ma non è quella di vincere. Nel 2022 si riscrivono le regole e dobbiamo avere l’ambizione per essere competitivi e a vincere”.

Il numero uno di Maranello ha poi aggiunto: “Se uno crea delle speranze e poi disattende è molto peggio, per le tante persone che ci amano. In queste 1000 gare abbiamo fatto tanto, abbiamo vinto tanto, abbiamo creato in tante persone la passione. Questa passione è molto importante sentirla dai nostri tifosi. Proprio per questo dobbiamo rispettarli e dirgli come stanno le cose”.

La morte prematura di Sergio Marchionne, avvenuta il 25 luglio 2020, ha portato John Elkann alla presidenza di Maranello. Una carica fatta di onori e oneri: “La Ferrari è una grande responsabilità, di un passato glorioso ma soprattutto una responsabilità di un futuro altrettanto glorioso. Mille GP? Un numero incredibile, siamo gli unici nel mondo della Formula Uno ad averle fatte. Come famiglia siamo entrati al fianco della scuderia Ferrari negli anni ’50 proprio quando in quel momento storico c’era un dominio Mercedes. Vivendolo attualmente, quello che poi ha dimostrato la Ferrari creando un ciclo vincente, è di buon auspicio per il futuro”.

Sulla giovane coppia Leclerc-Sainz che dividerà il box della Rossa a partire dalla prossima stagione: “Credo che sia un’ottima opportunità per Charles e per Carlos, proprio per questo siamo orgogliosi di avere dei giovani talenti che vogliono diventare campioni del mondo. Hanno deciso di essere più presenti a Maranello, credo che per noi è anche una grande lezione: non bastano i campioni del mondo per vincere, lo abbiamo visto in questo decennio con grandissimi piloti”.

Su Lewis Hamilton, a un sola vittoria dal record delle 91 di Michael Schumacher e vicinissimo anche ad eguagliare i sette titoli del Kaiser, Elkann ha espresso parole d’elogio e di ammirazione: “È il più grande della sua generazione, può diventare il migliore di sempre. Va preso come esempio e stimolo per le nuove generazioni, come quella di Leclerc”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati