F1 | Coronavirus, Villeneuve: “Difficile che si corra a Montreal il 14 giugno”

"Sarebbe un "colpo di Stato" per i canadesi, ma la situazione sembra peggiorare", ha detto il campione 1997

Jacques Villeneuve ritiene che l'espandersi del Coronavirus non risparmierà nemmeno il Gran Premio del Canada, previsto per il 14 giugno, secondo lui prossimo alla cancellazione
F1 | Coronavirus, Villeneuve: “Difficile che si corra a Montreal il 14 giugno”

La Formula 1 sta subendo numerosi rinvii a causa del Coronavirus, l’epidemia che ha coinvolto purtroppo tutto il mondo, compreso quello sportivo. La prima tappa del mondiale, stando al calendario attuale dovrebbe essere Montreal, in programma nel weekend del 14 giugno, ma visto il grandissimo aumento di contagi nelle ultime ore negli Stati Uniti, tutto fa pensare che il Gran Premio del Canada possa essere rinviato così come gli altri. Sarebbe una terribile notizia per i canadesi, così come affermato da Jacques Villeneuve, ma al momento sembra essere inevitabile.

“Qui in Italia ci sono migliaia di casi, siamo costretti a rimanere a casa, seguiamo le istruzioni, ma è tutt’altro che finita qui – ha detto Villeneuve a Le Journal de Montreal. Quello che stiamo vivendo qui per ora lo troveremo anche altrove, Spagna e Francia in particolare. Il prossimo passo del contagio saranno gli Stati Uniti: non voglio allarmare nessuno, ma la situazione potrebbe peggiorare se la tendenza dovesse continuare. Il rinvio di Montreal sarebbe come un colpo di Stato: il Gran Premio lì segna l’inizio dell’estate, è un grande evento atteso con impazienza ogni anno. Il Canada però sembra essere vicino al virus: non credo che si correrà il 14 giugno, ma la buona notizia è che l’assemblaggio del circuito può essere ritardato, non è così complesso come Montecarlo o Baku”.

Leggi altri articoli in News F1

Articoli correlati