Ecclestone: “Penso che la Mercedes rimarrà in F1”

La casa tedesca critica la distribuzione degli utili del nuovo Patto della Concordia

Per il patron della F1 la scelta di non rilevare le quote della McLaren si è rivelata errata per la scuderia di Stoccarda, che in tal modo non usufruisce dei contributi per i team storici
Ecclestone: “Penso che la Mercedes rimarrà in F1”

Bernie Ecclestone non pensa che la Mercedes uscirà dalla Formula Uno per una controversia contrattuale, nonostante i rapporti suggeriscono che gli azionisti del produttore tedesco voteranno contro la permanenza nella massima competizione motoristica.

“Dubito molto che la Mercedes lascerà”, ha spiegato il capo della F1 alla stampa inglese e al sito web ESPN. “Sono arrabbiati in questo momento perché si sentono trattati in modo diverso rispetto alla Ferrari. Il nostro commento è semplice, stiamo trattando Mercedes esattamente allo stesso modo degli altri e questo è il problema. Tutti gli accordi commerciali con queste squadre si basano sul tempo in cui sono stati in Formula Uno e dai risultati ottenuti. Purtroppo la Mercedes è in F1 solo da un paio di anni”.

La controversia riguarda il Patto della Concordia, il contratto che impegna le squadre che corrono in F1. Il contratto attuale scade alla fine di quest’anno, ma un accordo per estenderlo è stato firmato dalla maggioranza delle squadre fatta eccezione per la Mercedes. In base al contratto in corso è previsto che il 50% degli utili della F1 sia distribuito tra i primi dieci top team come premio in denaro e una quota fissa viene pagata in ragione del suo status storico alla Ferrari. Tuttavia, il nuovo accordo darà denaro anche a qualsiasi squadra che ha gareggiato dal 2000 senza apportare modifiche al suo nome con ulteriori pagamenti per premiare i vincitori del Campionato Costruttori. I nuovi termini non favoriscono la Mercedes in quanto ha cambiato nome più volte negli ultimi anni, da Bar a Honda a Brawn GP, quando vinse il titolo mondiale nel 2009. La casa della stella a tre punte sta pensando di fare un ricorso per concorrenza sleale alla Commissione europea a causa di quello che crede di essere un trattamento preferenziale fornito ai suoi rivali. Ecclestone spiega che la scelta è stata invece autonomamente presa dalla casa tedesca: “Avrebbero potuto rilevare la maggioranza delle quote della McLaren, visto che ne detenevano il 40% e avrebbero ottenuto tutti i vantaggi economici”, ha continuato il patron della F1. “Invece hanno fatto una scelta differente, vendendo le loro quote. Se avessero preso quella decisione sarebbero ora in una situazione assai diversa”.

La Mercedes dal canto suo ha negato che sta pensando di lasciare le corse e l’amministratore delegato Nick Fry ha confermato i piani per un futuro in F1. “La volontà è quella, assolutamente in lettere maiuscole, che la Mercedes-Benz vuole essere in F1”. Che la casa tedesca abbia intenzione di restare in F1 è provata anche dal fatto che settimana scorsa ha annunciato la sponsorizzazione della IWC, che produce orologi e che si unirà al team dal prossimo anno.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

11 commenti
  1. Gianluca RB

    15 Maggio 2012 at 12:11

    a me la verità che sono d’accordo con la Mercedes, se alla fine comunque non vengano trattati tutti alla stessa maniera fai in modo di favorire che ha gia vinto, e quindi di ripetersi sempre dando poche possibilità di badjet ad altri team per dare la caccia ai titoli iridati

    • Mattia

      15 Maggio 2012 at 12:53

      Secondo me, dovrebbero dare una parte dei soldi anche a chi non arriva tra i primi dieci in classifica costruttori, perché alla fine lo “spettacolo” lo fa, per esempio, anche l’HRT che fa vendere tanti giornali per il fatto che Vettel ha insultato Karthikeyan chiamandolo “cetriolo”.
      Quindi soldi in base alla classifica finale, ma a tutti e una piccolissima parte in base al blasone della squadra (visto che avendo già il blasone non fa fatica a trovare gli sponsor).

      • mario

        15 Maggio 2012 at 14:22

        La m.rd Bull nn vince piuuuuu

    • Gianluca RB

      15 Maggio 2012 at 15:10

      si, non è giusto che ci sia chi prenda di più, almeno non queste differenze

  2. salvo

    15 Maggio 2012 at 13:35

    Qui ecclestone sta sbagliando di grosso perché alla mercedes vanno dati i seguenti titoli mondiali: 1 come Brawn gp, 1 come Tyrrell e 2 come Mercedes. Questi titoli sono rispettivamente come struttura e come marchio quindi le affermazioni di ecclestone sono solo baggianate contro la Mercedes. Spero che gli diano questi 4 titoli e restino in F1!!!

    • Mattia

      15 Maggio 2012 at 13:48

      Il problema, come spiegato nell’articolo, è che negli ultimi 20 anni l’attuale Mercedes non si è sempre chiamata “Mercedes”.

      • salvo

        15 Maggio 2012 at 15:04

        è vero che non si è sempre chiamata Mercedes ma non ti sembra una scusa bella e buona dato che comunque le persone sono le stesse l’identità della squadra è quella mica cambia

  3. lorenzo

    15 Maggio 2012 at 14:26

    ecclestone la mercedes potrà anche restare ma tu te ne devi andare!!!

  4. Ale

    15 Maggio 2012 at 15:48

    e i motori?

  5. Johnny Giordani

    15 Maggio 2012 at 19:45

    “Dubito molto ke la Mercedes lascerà”! Detta così sembra che Bernie gli abbia fatto Un offerta che non si può rifiutare…
    Comunque quando sono queste situazioni girano sempre milioni di voci da ogni parte e tutte diverse! Alla fine del 2012 sapremo!

  6. azz!

    17 Maggio 2012 at 19:44

    Vi prego! Evitate di pubblicare le foto di Ecclestone! Mi si rovina la giornata solo a vederlo.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati