Webber: “E’ stata una gara pazzesca e molto dura”

L'australiano ha recuperato 15 posizioni a Valencia: ora è secondo nel Mondiale Piloti

Webber: “E’ stata una gara pazzesca e molto dura”

Mark Webber è stato tra i grandi protagonisti al Gp d’Europa. Dopo essere partito al 19° posto in griglia, l’australiano della Red Bull è risalito fino al quarto posto, sfruttando un’ottima strategia con i pneumatici: ora è secondo nel Mondiale Piloti, a venti punti dal leader Alonso.

“E’ stato un altro giorno pazzesco. Come stiamo scoprendo, è molto diverso tra le qualifiche e la gara e nessuno può sapere cosa succederà domenica”, ha detto Webber. “Ovviamente sono stato avvantaggiato da un po’ di ritiri, con una Lotus, Lewis Hamilton e Seb Vettel che si sono dovuti fermare prima del tempo. Ma fa tutto parte del campionato e ieri non è un grande giorno per me: forse se avessi iniziato davanti non avrei avuto una buona una gara come ho fatto io partendo da dietro.”

Webber ha spiegato che la strategia è stata la chiave del suo risultato, assieme alla sua capacità di non rovinare troppo le mescole per farla durare più giri dei rivali. “La strategia è stata quella di tirare i dadi e andare all’avventura, cercando di capire cosa stava succedendo.
Non mi è dispiaciuta la gara, non è andata troppo male, un po’ di KERS, un po’ di DRS, un po’ di sorpassi qua e là. Ma è ancora veramente molto difficile. Non si può veramente andare veloci perché si sta cercando di risparmiare le gomme. Alla fine si tratta di una gara in cui porto a casa un sacco di punti, quindi sono felice averli ottenuti da quella posizione in griglia”
, ha concluso l’alfiere della Red Bull.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

14 commenti
  1. frederick

    24 Giugno 2012 at 17:25

    Secondo nel mondiale piloti…Webber…E alonso primo…Che tristezza…Non ho nulla contro Webber, ma oggettivamente, Monaco a parte, non ha fatto nulla, a differenza di Vettel ed Hamilton.

    • luciano

      24 Giugno 2012 at 17:37

      le gomme si sono sempre amministrate.. ed è giusto che sia cosi.. comunque il mondiale è molto equilibrato, e servono i piazzamenti, ed a volte e meglio un 2 posto, e non rischiare (vedi ferrari in canada, che voleva dare una prova di forza, ed ha perso molti punti)

    • AleMans

      24 Giugno 2012 at 17:43

      In questo campionato paga la costanza, per questo Webber è secondo.
      E poi oggi ha fatto una rimonta incredibile!

    • Mattia

      24 Giugno 2012 at 17:45

      Quest’anno conta essere costanti e Webber quest’anno è sempre stato costante. E’ per quello che si trova secondo in classifica.

      • frederick

        24 Giugno 2012 at 17:51

        Il problema è che la poca costanza di Vettel, non è di certo colpa sua, se non fosse successo questo misterioso fatto, sarebbe lui in testa. E vi ricordo la rottura del motore di Massa in Ungheria nel 2008 che gli costo il mondiale.

      • luciano

        24 Giugno 2012 at 18:17

        la costanza dipende anhce dalla squadra, tutti devono dare il massimo e non fare errori, se la vettua è poco affidabile, ovvio che si perdono punti, la mclaren è anche molto costante con i suoi errori ai box 😀

  2. Turez

    24 Giugno 2012 at 17:29

    Ottima gara..bravissimo Mark Webber..la Ferrari secondo me se vuole piazzare Vettel nel 2014,farebbe bene a puntare su di lui per un anno di contratto..concluderebbe la carriera in un team storico e potrebbe rimanere come uomo immaggine.Ha ragione sul fatto delle gomme..

  3. Slauzy

    24 Giugno 2012 at 17:38

    Incredibile Webber! Rimonta clamorosa, 15 postazioni guadagnate! Fa meno rumore di un podio, però la tenacia e la strategia sono state premiate alla grande! Molto sottovalutato, Webber, specie tra i poco esperti di F1. Merita molto di più.

  4. splatterhamiltonsplatter

    24 Giugno 2012 at 17:44

    dai la prossima volta tocca a te, in bocca al lupo!

  5. Platoon

    24 Giugno 2012 at 17:58

    Avete notato che appena qualcosa non va alla macchina tutti danno la colpa alle gomme? Questo ha recuperato 15 posizioni e dice che a causa delle gomme non si può andare veloce… Eh si oggi per Vettel che si è ritirato per problemi alla macchina quelli della redde bulle non potevano dare la colpa alle gomme, e allora cosa fanno mandano avanti Webber a distogliere l’attenzione dai problemi della macchina per concentrarli sulle gomme, che sembra diventata la scusa per tutte le stagioni… Come diceva il sergente in Platoon: le scuse sono come i buchi del …, tutti ne hanno una… quella delle gomme…

  6. Franz Iacobelli

    24 Giugno 2012 at 19:18

    Mark è tornato quello di un tempo e ci ha ridato una delle sue belle rimonte!
    Sono contento ke ora sia davanti a Vettel, mi dispiace ke alla fine nn sia andato sul podio, lo meritava sicuramente

  7. Webberfan

    25 Giugno 2012 at 08:39

    Gran rimonta, come in Cina lo scorso anno recupera 15 posizioni. A differenza di Vettel, non si è lamentato pubblicamente con quello che è successo sabato e questo la dice lunga sul gran signore che è.
    Spero che non vada alla Ferrari per un solo anno a tenere caldo il sedile al baby-viziato

  8. Beppe (tifoso Redbull)

    25 Giugno 2012 at 14:01

    Verissimo, Webber è sempre sottovalutato, non fa notizia!!
    Ancora non capisco le pessime performance nelle qualifiche.
    Va bene la regolarità ma Monaco viene solo una volta l’anno.
    Beppe

    • Webberfan

      26 Giugno 2012 at 17:49

      In qualifica ha avuto pessime performance non per colpa sua! non ha disputato praticamente la FP3. Non ha funzionato il DRS (paragonabile ad 1″5 al giro in qualifica a Valencia). Comunque in Q1 è stato a 0″8 da Vettel.
      Non direi pessime qualifiche. Monaco a parte, in qualifica è 4-4 con Vettel ed è stato migliore in gara anche in Cina e Malesia.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Valencia, addio alla F1?

Il circuito preso d'assalto dai ladri
Il futuro di Valencia in Formula 1 sarebbe ormai segnato e la città spagnola potrebbe non ospitare mai più un
Focus F1

La pazza idea di Ecclestone: un GP a Londra

Il patron della F1 sarebbe tentato dall'idea di una gara nel cuore della capitale britannica
Bernie Ecclestone a 81 anni pare immune dagli scandali finanziari che lo circondano e pensa a nuove gare sempre più
Focus F1

A Valencia spettacolo e 58 sorpassi

La bellissima gara di domenica scorsa fa crescere il rammarico per una pista che è a rischio eliminazione dal calendario
Descritto in anticipo come una corsa noiosa, il GP d’Europa di Valencia è stato uno dei gran premi più belli