Vettel non è preoccupato dalle alte temperature della Malesia

Vettel non è preoccupato dalle alte temperature della Malesia

Sebastian Vettel si è detto convinto che le alte temperature attese durante il weekend del Gran Premio della Malesia non saranno un problema per la Red Bull. In Australia il team austriaco non ha avuto problemi nel portare in temperatura le gomme Pirelli mentre la Ferrari ha fatto fatica.

Per molti a Sepang la Red Bull RB7 potrebbe essere troppo aggressiva per le gomme ma il campione del mondo di F1 non si è detto preoccupato per la gara, che secondo la Pirelli potrebbe portare a strategie fino a quattro soste.

“Non è una preoccupazione” ha dichiarato Vettel. “E’ una pista completamente diversa con esigenze diverse per le gomme e le vetture. In Australia non ho avuto problemi a portare le gomme nella giusta finestra di utilizzo. Non siamo preoccupati di un possibile incremento delle temperature. Se accadrà domani ci lavoreremo ma non siamo preoccupati”.

Vettel ha dichiarato di essersi messo ormai alle spalle il dominio dell’Australia: “Melbourne ormai fa parte del passato. Abbiamo già una vittoria all’attivo e molti punti, ma dobbiamo metterci quella vittoria alle spalle e concentrarci su quello che accade qui”.

Vettel non sembra preoccupato nemmeno dalla possibile pioggia: “Non mi importa visto che di solito andiamo bene. Il rischio con la pioggia è di fare un errore, il rischio che le cose vadano male o la gara diventi piu’ caotica è molto piu’ alto. Di sicuro se la vettura è molto veloce e si fanno buone gare sull’asciutto, perchè sperare in condizioni che portano rischi non noti? Ma sarà così per tutti. C’è comunque una possibilità di errore sull’asciutto, con forse quattro soste. E’ così per noi e per tutti gli altri”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

2 commenti
  1. luca86

    8 Aprile 2011 at 01:10

    se vettel domina ancora,meteo permettendo,scommetterei tutto sul campionato gia chiuso.sepang e’la pista giusta per sbilanciarsi

  2. Norrin Radd

    8 Aprile 2011 at 09:35

    e di che cosa si dovrebbe preoccupare con una macchina che dà un secondo al giro a tutti gli altri…lo vorrei vedere con una monoposto “normale” e un compagno di scuadra come Hamilton o Alonso a pari trattamento…sempre più cazzoncello…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati