La Pirelli modifica il modo di marchiare le differenti mescole

La Pirelli modifica il modo di marchiare le differenti mescole

Per provare a rendere più semplice la distinzione dei pneumatici ai fan, in occasione di questo GP di Malesia, la Pirelli ha deciso di apporre sulle gomme morbide una striscia dorata.

A seguito delle lamentele, pervenute in occasione del GP d’Australia per il fatto che risultava complicato distinguere le gomme dure da quelle morbide, la Pirelli ha deciso, almeno per questo fine settimana, di rimediare con una modifica provvisoria.

Paul Hembery, il direttore della Pirelli Motorsport, ha annunciato che una modifica definitiva sarà resa ufficiale a partire dalla prima gara in Europa e ha continuato: “Siamo stati avvisati del fatto che i tifosi fanno fatica a distinguere le gomme a causa del colore delle strisce. Per la Turchia apporremo una marchiatura molto piu’ visibile sulla spalla delle gomme e mancherà la striscia. Le parole Pirelli e P-Zero saranno collegate con piu’ bande di colori. Cio’ vuol dire che quando la gomma ruoterà, il nero non sarà dominante. Sembrerà un vortice di giallo, e il giallo sarà predominante. Adotteremo la stessa tecnica di marchiatura per ogni mescola e dai test fatti finora sembra funzionare molto bene”.

Eleonora Ottonello

La Pirelli modifica il modo di marchiare le differenti mescole
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti
  1. Federico Barone

    8 aprile 2011 at 06:16

    Non mi può interessar di meno. la questione dei colori.
    Una competizione senza avversari non ha alcun senso, così come tutti i tentativi di renderla spettacolare.
    Non è questa, la F1 che amo…

  2. Paolo

    8 aprile 2011 at 11:07

    La F1 sta diventando una cosa ridicola…quando c’erano Bridgestone e Michelin, appendici aerodinamiche, motori V10 (se nn V12), elettronica indipendente x ogni auto…quella era competizione…questa è la F1 del “facciamo vincere il più furbo” nn il più forte…e poi dai questa storia del fornitore unico è deprimente davvero…per non parlare della centralina unica…ke schifo…speriamo nel campionato alternativo sul serio o questa F1 tornerà nell’anonimato come anni fa…

  3. luciano

    8 aprile 2011 at 16:50

    vi rocordo che quando c’erano tutte quelle cose era una noia mortale….

  4. Paolo

    8 aprile 2011 at 17:18

    Ah beh invece così facciamo vincere la Brawn

  5. ValtellineseDOC

    8 aprile 2011 at 18:57

    E chi se ne frega di chi vince, l’importante che ci sia grande spettacolo!!!

  6. Casco Giallo

    9 aprile 2011 at 04:18

    Son d’accordo con Luciano e Valtellinese, l’attuale formula 1, sia pur con tutti i suoi guai, è di gran lunga più gustosa di quella descritta da Paolo e magari rimpianta da molti.

    E’ l’era del dominio Schumacher che ha allontanato tantissima gente dalla f1, lo riscontro continuamente fra i miei amici e conoscenti. Campionati ultra dominati alla lunga stufano, negli ultimi anni invece assistiamo quantomeno a lotte all’ultimo punto…

    Cmq carina questa novità pirelli, in effetti in Australia anch’io ero lì a cercare di individuare la mescola ma non c’azzeccavo mai 😉

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati