Solo Red Bull può non permettersi di dare ordini di scuderia

Solo Red Bull può non permettersi di dare ordini di scuderia

La scelta di Red Bull di non assegnare ordini di scuderia nella stagione 2011 è stata una decisione che solo la squadra austriaca avrebbe potuto prendere.

Questa è l’idea di Joan Villadelprat, il capo di Epsilon Euskadi che era dell’avviso che Red Bull avrebbe dovuto assegnare il ruolo di prima guida “de facto” solo alla fine del campionato, sulla base dei risultati ottenuti sul campo. “Hanno scelto di far correre i piloti alla pari, sono stati onesti e hanno fatto bene” ha scritto nel suo spazio sul quotidiano El Pais.

Niki Lauda era di diverso avviso, accusando Reb Bull di rischiare troppo non imponendo una prima guida, ma alla luce della vittoria di Vettel è tornato sui suoi passi, premiando lo spirito “olimpico” di Red Bull. “E’ incredibile come questa squadra sia riuscita a vincere alla fine di tutto nel modo più onesto” ha detto il tre volte campione del mondo. “Secondo me, è l’unica volta in 60anni di storia della Formula1”.

Villadelprat si unisce al coro di approvazione, facendo notare come l’onestà possa diventare un privilegio Red Bull su cui il marketing dell’azienda di bibite possa far leva per il futuro. Villadelprat ha spiegato come Vettel abbia potuto rimontare il distacco dai primi fino ad assicurarsi la pole e la vittoria solo “grazie al supporto della squadra, cosa che in un altro team non si sarebbe verificata poiché ogni sforzo sarebbe stato diretto a sostenere il pilota più in alto nel mondiale. Red Bull ha potuto concedersi questo atteggiamento perché il proprietario Mateschitz avrebbe preferito perdere onestamente che vincere in altri modi”.

“In altre squadre questo non sarebbe stato possibile, perché i legami con i committenti e gli sponsor avrebbero creato non pochi vincoli”

Gian Maria Di Stefano

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

20 commenti
  1. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    2 dicembre 2010 at 00:55

    Squadra fortissima, con piloti fortissimi, in maniera onesta, leale e coerente fino alla fine, hanno portato a termine un mondiale che gli apparteneva sin dalla vigilia.
    Complice anche un pó di fortuna, è vero, qualcuno il mondiale lo ha anche perso da solo, peró la politica RB ha anche approfittato degli errori altrui, e GIUSTAMENTE ha vinto.
    Tanto di onore a chi LEALMENTE è da prendere da esempio.

  2. Federico Barone

    2 dicembre 2010 at 05:54

    1 – I commenti di Lauda che valore hanno ormai? Cambiano direzione quando cambia il vento…
    2 – Non sono sicuro che il non favorire Webber in realtà non sia stato un favorire Vettel.
    3 – Hanno vinto, quindi hanno ragione, indipendentemente da tutto quanto scritto sopra. Congratulazioni vivissime (per la fantastica vettura creata, soprattutto).

  3. Max

    2 dicembre 2010 at 08:11

    Con una vettura così superiore per poco non lo perdevano il mondiale a forza di strafavorire il pupillo Vettel al posto di Webber…
    Non avranno dato ordini di scuderia ma tanto leali nei confronti di Webber non mi pare lo siano stati..

    Max
    SF

  4. ZxEnrico

    2 dicembre 2010 at 08:15

    immaginate le ultime 4 gare a parti invertite; vettel al posto di webber, vettel all’ultima gara a meno 8 da alonso, NON AVREBBERO USATO ANCHE IN QUESTO CASO ORDINI DI SCUDERIA? MA………….

  5. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    2 dicembre 2010 at 08:58

    Credo che su vettel abbiano investito talmente tanto che è normale visto il talento,la giovane età, che un preferito esista sempre, webber è quasi finito(ottimo pilota senza dubbio alcuno) ma…!
    La correttezza c’è stata fino a due, tre gare dalla fine, liberi di fare ciò che volevano, anche di buttarsi fuori a vicenda. O no…?
    E poi signori se ci fossero stati ordini di scuderia il mondiale piloti si sarebbe chiuso mesi prima…

  6. iorek

    2 dicembre 2010 at 10:25

    quoto zxenrico

    avevano un missile a disposizione e hanno rischiato di perdere il mondiale.

    Ma nessuno ricorda quel musetto smontato dalla macchina di webber per essere montata su quella di vettel ????

    e questo non e’ un ordine di scuderia ?

    L’unico motivo per cui non hanno dato ordini e’ che il loro investimento e’ stato sempre dietro al nr 2 cioe’ webber.

    Sono stati bravi tanto di cappello, ma basta osannarli come campioni di correttezza.

  7. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    2 dicembre 2010 at 10:49

    Guarda, a me delle red bull interessa poco, se non l’indubbio fatto, da appassionato di motori, che sono stati stellari.
    Ma il mio parere conta zero, leggi peró su questo forum ciò che ha detto barrichello su questa macchina e pensa… Non sarà dio in macchina ma è pur sempre un pilota che qualcosa più di noi saprà.

  8. Mik

    2 dicembre 2010 at 11:34

    Bravo Alex, quoto in pieno!

  9. Gianni

    2 dicembre 2010 at 11:42

    La favola della sportività e onesta olimpica è solo una barzelletta, questa cosa qui NN esiste in f1 per nessun team…

    Ancora complimenti a RB e un “al diavolo” per Lauda: non si puo fare dei commenti che si contraddicono…e mi chiedo come fa la gente a intervistarlo ancora visto che ormai non sa piu quello che dice… (Bollito)

    Ciao

  10. Beppe

    2 dicembre 2010 at 11:58

    Ovviamente noi Redbull abbiamo avuto anche una buona dose di buona sorte, questo è scontato, per vincere occorre anche quella.
    Al diavolo le critiche relative all’assenza di ordini di scuderia: lo immaginate se la RedBull avesse avuto un primo e secondo pilota, il mondiale sarebbe finito a settembre o l’avrebbero perso.
    Ai tempi del dominio Schumacher in Ferrari, di Button in Brown GP, di Mansell, Prost, Demon Hill in Williams, i mondiali erano abbastanza noiosi e scontati proprio per il fattore “prima guida”. Fortunatamente quest’anno non è accaduto ed è stato un mondiale bellissimo anche grazie alla ritrovata competitività Ferrari con Alonso.

    Beppe
    Redbull

  11. Simo

    2 dicembre 2010 at 11:59

    Sono tifoso Ferrari ed ancora rosico per la perdita del titolo..ma non condivido assolutamente chi parla di favori verso Vettel quando gli é stato data l’ala di Webber (dopo aver danneggiato il suo eemplare…). Vi ricorso che in quell circostanza Webber disse di trovarsi piu a suo agio con la VECCHIA ala…appurato ció, i tecnici hanno levato l’ala a Webber (non ci si trovava) per montarla a Vettel (che la preferiva)…

  12. Strige

    2 dicembre 2010 at 12:06

    ma nessuno si ricorda il 2009? vettel che lotta con button per il titolo e la redbull, nonostante l’ottima vettura, NON HA AIUTATO MINIMAMENTE VETTEL? e dire che se facevano gioco di squadra, vettel avrebbe già 2 mondiali sul groppone…

  13. POETA

    2 dicembre 2010 at 13:47

    LODE, LODE, LODE DELLA RED BULL IL COMPORTAMENTO!!!
    Con la McLaren sono un esempio da firmamento!

    La misera Ferrari ha molto da imparare!
    Ahimè! Anche l’ anno prossimo sarà da rammentare!!!

  14. Michele ( Red Bull)

    2 dicembre 2010 at 14:12

    Io credo che la fortuna e la sfortuna siano state presenti sia per la ferrari che per la red bull. Quest’ultima ha vinto grazie a una grande vettura messa in campo fin dall’inizio del campionato e a cui tutti si sono ispirati in primis la ferrari stessa.
    Fa male pensare agli immensi investimenti che ferrari dedica alla F1 e poi dover copiare le macchine altrui…
    A me red bull piace non solo perche’ quest’anno ha vinto ma anche precedentemente graze al loro modo di fare le F1 con qualcosa di diverso e innovativo.
    Piacerebbe anche a me far parte della squadra red bull…come ingegnere ci lavorerei molto volentieri!
    Michele

  15. Traffyk

    2 dicembre 2010 at 16:57

    Un solo appunto veloce: McLaren e Ferrari non traggono vantaggio dalle scuderie in comune con loro.

    Mercedes fornisce 4 Scuderie (Mercedes, McLaren, Force India) ma non si fanno favori tra loro ne esiste un programma in comune.

    Ferrari 3 scuderie (Ferrari, Sauber, Toro Rosso), come per Mercedes si limita alla sola fornitura e consulenza.

    Renault 2 mi sembra (Renault e RedBull) e fin qui ancora niente.

    Poi viene bella bella la Red Bull con con Toro Rosso gestisce due squadre anche se sulla carta è stato fatto finta di no, ordina quello che cavolo le pare e si avvantaggia come più le piace (praticamente test doppi e team satellite per giovani piloti)..
    L’anno prossimo metterà mano anche sul Team Lotus fornendo il cambio… per la serie ti piace vincere facile?

    A questo punto mi chiedo quanto sarebbe ancora insensata la proposta della terza vettura, la red bull ne ha praticamente quattro.

    Perchè quindi Mercedes e Ferrari magari non provano a iscrivere un secondo team satellite?

    In passato Sauber e Ferrari collaboravano di più, perchè magari non farlo anche l’anno prossimo? Ferrari si accollerebbe parte delle spese di Sauber e si assicurerebbe piloti da formare e degli ottimi scudieri, nonchè spazio per più test.

    Che ne pensate?

  16. certom

    2 dicembre 2010 at 19:20

    E se il 14 novembre la Ferrari non avesse preso quella sciagurata decisione, vincendo il mondiale? Sarebbero tutti qui a criticare la decisione di non prendere ordini di scuderia
    (che poi, in turchia, io mi ricordo un bel discorsetto ai due piloti che altro non era che un ordine di scuderia camuffato, poi finito in un patatrac)

  17. Beppe (REDBULL)

    3 dicembre 2010 at 10:05

    per Traffyk

    scusa ma la Toro Rosso e Sauber non vengono motorizzata da Ferrari?
    Chiedere ad Alguersuari, De La Rosa quanti motori hanno arrostito nella prima parte di stagione (soprattutto la sauber).

    Beppe
    Redbull

  18. iorek

    3 dicembre 2010 at 11:30

    @simo

    i commenti di webber che ho letto io dopo il cambio di ala non erano del tenore che tu descrivi….

    come mai ???

  19. Mik

    3 dicembre 2010 at 14:17

    Il titolo di questo articolo penso proprio volesse essere “Solo la Red Bull può permettersi di non dare ordini di scuderia”, che è ben diverso da “non può permettersi di dare”.

  20. Traffyk

    4 dicembre 2010 at 02:58

    @Beppe non capisco dove vuoi arrivare con il tuo commento.

    Comunque tralasciando il difetto dei motori Ferrari (risolto alla grande tra l’altro), almeno per quanto riguarda sauber sono sicuro al 100% che il problema non è dipeso dal motore semmai da ciò che gli girava intorno.. come poi han sempre dichiarato nel postgara.

    Ciò non toglie che non ho capito proprio cosa vuoi dire, non c’entra assolutamente nulla con quanto ho scritto io.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati