Pirelli rivoluziona i pneumatici per affrontare la stagione di Formula 1 2013

Crescono le prestazioni

Pirelli rivoluziona i pneumatici per affrontare la stagione di Formula 1 2013

La novità più evidente è la colorazione della Hard contraddistinta dalla banda arancione sul fianco. Dal punto di vista tecnico sono due i cambiamenti più importanti: nuove costruzioni e nuove mescole.

Il lavoro degli ingegneri Pirelli si è concentrato su 3 aree: in trazione combinata, distribuzione delle temperature, miglioramento delle performance.

Aumenta l’aderenza disponibile in fase di trazione combinata che in uscita curva riduce il sovrasterzo e permette di scaricare tutta la potenza del motore.

Migliora la gestione delle temperature.
L’area di contatto distribuisce il carico in modo uniforme e in sinergia con le nuove mescole la distribuzione più omogenea del calore sul battistrada riduce i fenomeni di blistering.

Crescono le prestazioni.
Maggior grip a disposizione e migliore efficienza complessiva assicurano tempi sul giro più bassi e contestualmente, fissano a 6-8 decimi il divario cronometrico tra le diverse opzioni di durezza a tutto vantaggio delle strategie gara.

Cambiano costruzioni e mescole, cambiano le temperature di utilizzo.
Quest’anno le 4 opzioni slick offerte da Pirelli prevedono 2 specifiche high working range, 2 low working range.

Hard e soft prevedono il target termico più elevato con valori superiori ai 100°.
Super soft e medium lavorano in una curva di temperatura più bassa con massima resa a partire dagli 85-90°.

Modificate entrambe le soluzioni da bagnato.
Per allargare il range di utilizzo sono stati effettuati interventi sulle costruzioni posteriori che assicurano un comportamento più progressivo ed efficace.

Le nuove coperture F1 2013 consentono di coprire al meglio le variabili ambientali, le diverse tipologie dei circuiti, le differenti condizioni d’uso da parte di team e piloti il tutto senza sacrificare prestazioni, spettacolo e sicurezza… DNA Pirelli.

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

7 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati