Pirelli: inascoltata due anni fa la richiesta di fissare un numero limite di giri effettuabili con gli stessi pneumatici

Pirelli: inascoltata due anni fa la richiesta di fissare un numero limite di giri effettuabili con gli stessi pneumatici

Pirelli F1 – In merito a quanto accaduto al Gran Premio del Belgio, Pirelli sottolinea che: Fin dal novembre 2013, Pirelli aveva chiesto che venisse fissato per regolamento, oltre all’indicazione degli altri parametri per il corretto impiego delle gomme, anche il numero massimo di giri effettuabili con lo stesso set di pneumatici. La richiesta non venne accolta. La proposta prevedeva un chilometraggio massimo equivalente al 50% della durata del Gran Premio per la gomma Prime e del 30% per la Option. Tali condizioni, se applicate a Spa, avrebbero fissato a 22 il numero massimo di giri percorribili con le gomme a mescola Medium.

Pirelli: inascoltata due anni fa la richiesta di fissare un numero limite di giri effettuabili con gli stessi pneumatici
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

9 commenti
  1. maxdi

    24 agosto 2015 at 13:21

    Ma se ho una vettura che riesce a fare 40 giri con le option perchè vietarlo? Piuttosto perchè non consigliano alle squadre quanti giri si possono fare in sicurezza con un pneumatico, almeno si impegnano loro in prima persona con un dato certo.

  2. 12cilindri

    24 agosto 2015 at 13:45

    il problema è che la pirelli da quando è stata acquisita dai cinesi non fa altro che rispecchiare tutto quello che è cinese cioè scadente!!non esiste che un pneumatico,che in quel momento,si aveva fatto un bel pò di giri,ma non aveva avuto nessuna decadenza prestazionale, scoppiasse
    in quel modo,al limite se fosse stato altamente degradato
    vettel se ne sarebbe accorto come pure il team,invece ha continuato perchè faceva degli discreti tempi , incalzato dalla lotus,ma io mi ricordo che negli anni le coperture pure se arrivavano ( in gergo alla tela ) non sarebbero mai scoppiati come è successo ieri,per cui la pirelli indaghi meglio

  3. uc

    24 agosto 2015 at 14:00

    Una regola simile comprometterebbe molto le strategie:
    di fatto non si potrebbe fare una gara a 2 stint!

  4. Doesntmatter72

    24 agosto 2015 at 15:42

    Beh, le macchine italiane d’altro canto sono una vera schifezza…Raikkonen ha avuto una gara profondamente compromessa dell’ennesimo guasto!!!

    Prima di lamentarsi delle gomme, imparate a fare la macchina, grazie!!!

    Ora come ora è solo un catorcio rosso!

  5. 12cilindri

    24 agosto 2015 at 16:59

    doesntmatter72 si vede che di f1 non nè capisci niente
    per cui astieniti da giudizi inutili,perchè anche rosberg ha avuto lo stesso problema,nelle prove libere e non penso che la mercedes sia un catorcio!!

  6. pietromatto

    24 agosto 2015 at 21:22

    E come mai la Pirelli dice questo solo ora?! Ma per favore…

  7. Radioattivo

    25 agosto 2015 at 02:03

    Non c’entra nulla,si dovrebbero poter fare 4000 giri in sicurezza (con meno prestazioni). Pensate alle vs gomme della macchina. Il concetto è lo stesso. La verità è che hanno ascoltato la fia che ha imposto questi stupidi cambi di gomma/mescola per creare spettacolo. Una vera idiozia. Se fossi la Ferrari e la mercedes farei richiesta di cambiare immediatamente tutto di quelle gomme. Se non danno la possibilità di fare 200 giri a set di gomme si cambi fornitore!!!!

  8. oniram

    25 agosto 2015 at 10:45

    La Pirelli sta disperatamente tentando di ricacciare sui team la colpa di quanto accaduto, tirando in ballo un episodio che non c’entra niente anche se fosse vero. Rimane il fatto che i pneumatici quando si usurano (e quelli di Vettel NON erano neanche usurati) non devono esplodere!

  9. oniram

    25 agosto 2015 at 10:47

    Oh che bello… ritornano i post “in attesa di moderazione”! Era un po’ che i simpatici responsabili del sito mi lasciavano in pace… ora posso stare sicuro che il mio intervento non lo leggerà mai nessuno! (e no, non c’era assolutamente nulla di offensivo o volgare)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati