Per Vettel la zona di sorpasso di Melbourne è poco chiara

Per Vettel la zona di sorpasso di Melbourne è poco chiara

La “overtaking zone” di Melbourne, ossia la parte di pista in cui sarà possibile scaricare l’ala posteriore, è stata formalmente individuata durante un recente incontro tra i piloti e Charlie Whiting, a Barcellona.

Auto Motor und Sport riferisce che poichè il rettilineo dell’Albert Park è piuttosto corto, il gap di 1 secondo tra due vetture in lotta sarà misurato alla terz’ultima curva.
Il pulsante per scaricare l’ala potrà essere premuto all’uscita dell’ultima curva, e l’ala dovrà poi tornare in posizione per la frenata della Curva 1: la zona di sorpasso è quindi leggermente più lunga rispetto ai 600 metri annunciati in precedenza.
Sebastian Vettel, fiero oppositore di questa soluzione, ha dichiarato che lo stratagemma ideato per Melbourne crea solo confusione: “Immaginiamo che sono più distante di 1 secondo da chi mi precede alla terzultima curva, e che riesca ad avvicinarmi nelle ultime 3: non potrò attivare il pulsante. Come lo spiegate?”
Sul giornale si legge anche che la overtaking zone, per Sepang, sarà il rettilineo box, e che il distacco di 1 secondo sarà preso all’ultima curva.
In Cina la zona di sorpasso sarà il lungo rettilineo tra la curva 13 e la 14.
Nel corso della riunione a Barcellona, qualcuno aveva proposto di non usare l’ala posteriore nè durante le libere nè in qualifica, per ridurre il lavoro dei piloti: secondo testimonianze, Red Bull era favorevole a questo divieto, mentre Ferrari e McLaren no.
“Presumibilmente, McLaren e Ferrari hanno sviluppato sistemi più facili per i piloti”, ha commentato Whiting.
Infatti, una attenta analisi dei volanti di Ferrari e McLaren ha rivelato delle palette supplementari sul retro, che secondo alcuni rendono più semplice la gestione di KERS e ala posteriore mobile.

Per Vettel la zona di sorpasso di Melbourne è poco chiara
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Tecnica

Lascia un commento

38 commenti
  1. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    14 marzo 2011 at 22:32

    io vorrei sentire l’opinione su questa f1 dai piloti anni 70-80 e 90 cosa ne pensano di questo schifo

  2. Grandchelem.it

    14 marzo 2011 at 23:07

    Vettel dice che la zona di sorpasso per melbourne è poco chiara. Io dico che è proprio tutta la regola acreare grossa confusione.

  3. ciro

    14 marzo 2011 at 23:49

    l’ala mobile è una cagata pazzesca…..
    38 minuti di applausi stile fantozzi

  4. Frenk

    15 marzo 2011 at 00:10

    In nome del risparmio non si testa,ma vengono introdotte(e reintrodotte)soluzioni che hanno fatto spendere ai team cospicue somme,l’f-duct era una buona soluzione,che a mio avviso poveva essere semplicemente regolata con una normativa che consentisse l’esecuzione meccanica,i piloti avrebbero potuto guidare con due mani,in sicurezza, e poteva essere usata a piacimento.Invece si è scelta ‘sta sega mentale dell’ala mobile e delle sue regole cavillose che probabilmente farà aumentare i sorpassi,ma solo con un artificio,in quanto si ha uno strumento per attaccare ma non per difendersi.
    Spero che un giorno non si opti anche per le zavorre sui vincitori,a quel punto sarebbe davvero troppo…

  5. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    15 marzo 2011 at 00:24

    Frenk non parlare di zavorre che se ecclestone ti sente le mette subito O_O

  6. anonymous

    15 marzo 2011 at 00:50

    concordo con Manuel…shhhhhhhhhhhhhhhh

  7. Allievo

    15 marzo 2011 at 02:04

    Solo confusione con queste STRONZATE…

    scusate se sono troppo diretto

  8. Agisette

    15 marzo 2011 at 09:09

    UNA STRONZATA IMMANE!!! La fia = TOPO GIGIO ‘STRAFATTO’

  9. Gerry

    15 marzo 2011 at 09:20

    Che bello, non vedo l’ora di vedere delle gare che manco nella Playstation….
    Voci di corridoio danno l’inserimento del TURBO BOOST (quello di super car per intenderci) che daranno al pilota anche la possibilità di superare le auto saltandoci sopra… :- )

  10. cosimo

    15 marzo 2011 at 09:37

    la F1 assomiglierà sempre più alla WWE

    1) i nuovi motori 1600 saranno progettati per ricreare un suono da 2800 per carità saranno estremamente veloci ma non mi piace mascherare certe cose.

    —> i wrestler sono pompati e agli occhi dei telespettatori sembra che un loro pugno sfonderebbe l’avversario anche se in realtà sono pugni e schiaffi finti, per carità saranno anche forti davvero, ma non si menano davvero di santa ragione.

    2) le fontanelle a comando per rimescolare le carte in gioco a dicrezione della Fia per giunta, uno si fa un mazzo così per mantenere il primo posto, e poi magari uno che si trovava in 5° posizione poco prima dei box entra subito cambia gomme esce e vince

    —-> un wrestler le prende di santa ragione giace a terrà sembra che perderà, ma poi arriva un terzo wrestler amico che lo stuzzica, quello a terrà si rialza è lo colpisce da dietro alla fine arriva a vincere “incredibilmente”

    se vanno in porto certe cose significa che diventerà apparenza come il wrestling.

  11. Beppe (tifoso RedBull)

    15 marzo 2011 at 10:26

    Il mio pensiero è il seguente:
    http://www.youtube.com/watch?v=Eod3L-3jsGo

    Beppe

  12. Manu (tifoso Ferrari)

    15 marzo 2011 at 10:45

    Se davvero questa soluzione verrà utilizzata solo questa stagione, alla faccia della riduzione dei costi!
    Invece di sviluppare regolamenti duraturi e di indirizzare la F1 in una direzione, ogni anno che passa sembra sempre di più un cane che si morde la coda.

  13. Simone

    15 marzo 2011 at 11:23

    Visto che c’erano potevano proporre una soluzione molto + semplice ed economica: costringere il pilota davanti a frenare a 200 mt dalla curva in modo che il pilota che segue può sorpassarlo frenando 70-10 metri dopo….
    Sarebbe grande spettacolo, 10 sorpassi al giro. Wowww :):):):):)

  14. TEX

    15 marzo 2011 at 15:10

    BASTA CON QUESTO REGOLAMENTO TECNICO.
    BASTA E’ ORA DI CANCELLARE TUTTE QUESTE REGOLE.
    FORMULA UNO LIBERA

  15. Kevin (Maltese - Tifoso Ferrari)

    15 marzo 2011 at 20:57

    Ragazzi… ne vedremo di macchine volare! Questo e poco ma sicuro!

  16. Daniel

    15 marzo 2011 at 23:49

    Non sono un fan dell’ala mobile, ma attenzione, molti NON HANNO CAPITO che se si danneggi il pilota NON CORRE RISCHI!!!

    Mi spiego meglio, l’ala mobile è studiata in modo che in caso di rottura torni nella posizione di massimo carico.
    Infatti il “perno” nella zona alta fa si che l’ala si alzi quando attivata!
    Se il “perno” fosse stato istallato nella parte bassa dell’ala allora si che avremmo avuto il problema!!

    Guardate il video: http://www.youtube.com/watch?v=cknJqRX9gaI

    E’ abbastanza intuibile che la pressione dell’aria schiaccerebbe l’ala nella posizione di massimo carico.

    Questo giusto per mettere le cose in chiaro..

  17. cosimo

    16 marzo 2011 at 09:29

    @ daniel

    certo se si rompe il perno è un conto….anche se bisogna vedere se è davvero così.

    ….e se rimane bloccato aperto per un detrito, magari un pezzo di gomma della monoposta< che tenta di sorpassare???

    ogni cosa "mobile" è soggetta a malfunzionamenti per un qualsiasi evento quindi quello che tu dici sono ipotesi e non puoi dar per certo quello che dici.

    ovviamente nella casistica degli eventi potrà accadere qualuque cosa, il fatto che ci sia una roba del genere è sempre e comunque un rischio in più che si somma a tutti gli altri.

  18. Daniel

    17 marzo 2011 at 14:34

    @ cosimo

    Hai perfettamente ragione, a quella possibilità non ci avevo pensato.

    Non dico di mandarli a morire, ma non possiamo neanche far correre i piloti senza alcun rischio!!

    Perchè allora dobbiamo togliere le ali anteriori (se si rompe e finisce sotto la macchina da pilota diventi passeggero), mettere il cupolino (vedi Massa vs Molla), dobbiamo proteggere meglio i bracci delle sospensione (se la molla arriva a quell’altezza le distrugge e finisce in una presa d’aria, risultato con conseguenze peggiori di Massa)…

    Cioè, se l’ala mobile si blocca quando è attiva, succede quando il pilota è a fine rettilineo, ergo una forte staccata.

    Cosa succede? Il pilota (al massimo) arriva lungo, intuisce il problema e all’accellerazione lo capisce e gira più lento fino ai box dove viene risolto il problema.

    Nessun morto!

    Cmq ripeto, a me non piace l’idea, il sorpasso devi farlo perchè sei bravo te, non perchè sei avvantaggiato!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati