Marciello chiude le porte alla F1: “Una follia pagare 10 milioni per un sedile”

"Impossibile guardare al Circus"

Marciello chiude le porte alla F1: “Una follia pagare 10 milioni per un sedile”

Nonostante l’ottima stagione chiusa al volante della Russian Time in GP2, Raffaele Marciello non sarà ai nastri di partenza del prossimo mondiale di Formula Uno e con ogni probabilità la sua carriera proseguirà all’interno del mondo delle GT. L’ex talento della Ferrari Driver Academy ha spiegato che per lui risulta impossibile pagare 10 milioni di euro per un sedile nel Circus e proprio per questo, visto la chiusura della sua esperienza all’interno della categoria cadetta, guarderà con attenzione al mondiale Endurance e alle GT per il proseguo della propria carriera all’interno del mondo delle corse. Marciello, ricordiamo, ha lasciato la FDA all’inizio dello scorso anno.

Ecco le parole di Raffaele Marciello: “Bisogna essere realisti e per me risulta impossibile pagare 10 milioni per un sedile di Formula Uno. Se avessi tutti quei soldi me ne starei bello tranquillo in vacanza per il resto dei miei giorni, ma non è così e devo cercarmi delle alternative. Proseguire in GP2 non avrebbe senso visto che fare il salto è complicato, perciò penso che guarderò attentamente alle GT. Pagare tutti quei soldi per un sedile è una follia totale. In Formula Uno servono soldi e se non li hai è meglio guardare altrove”.

Roberto Valenti

Marciello chiude le porte alla F1: “Una follia pagare 10 milioni per un sedile”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. lucaraikkonen

    12 dicembre 2016 at 16:11

    Come non essere d’accordo. Ma questo è il mondo delle scuderie milionarie che non hanno i soldi per pagare i motori.
    Hanno i pavimenti d’oro ma le fondamenta di compensato.

  2. poverocecco

    12 dicembre 2016 at 16:43

    e’sempre stato cosi e chi non porta 10 milioni porta 30 milioni di sponsor caro lello diciamo che non ti chiamerebbe nessuno al momento nemmeno per 12 milioni.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati