Le 10 Pillole del GP di Corea 2010

Le 10 Pillole del GP di Corea 2010

Lanciamo, parallelamente alle serie e intoccabili pagelle di F1GrandPrix, una nuova rubrica “leggera” post Gran Premio.

Si tratta di 10 Pillole per ogni appuntamento, con l’intento di stemperare la tensione post gara e alleggerire eventuali malumori. Con le prossime “uscite” probabilmente verranno integrate delle piccole modifiche.

Partiamo con le prime Pillole, relative a questo weekend. Come foto di copertina per il GP della Corea abbiamo scelto un simbolo di questa tre giorni.

1 – Fernando Alonso:
Niente di meglio che fare il gesto della paperella nella vasca Coreana. Ammette di essere stato fortunato per il regalo delle Lattine. La fortuna, però, aiuta gli audaci e lui di audacia pare averne proprio tanta. Le macchinine Rosse adesso gli piacciono tantissimo!

2 – Lewis Hamilton:
Solo per i team radio che abbiamo ascoltato meriterebbe 5 punti bonus in classifica. Uno con le pelotas che non ha paura di correre con l’acqua e ha fretta! Anche perchè (e questo non lo dice) aveva un appuntamento con Nicole e non voleva fare tardi, altro che gara.

3 – Mark Webber:
Non voleva correre, ha interpellato chiunque prima del secondo via: Alonso, Chris Horner (che l’ha guardato e gli ha chiesto “E tu chi sei?”), addirittura Charlie Whiting dal muretto. Sì, meglio parlare direttamente che lasciare fare agli ingegneri..

4 – Sebastian Vettel aka Baby Kimi:
Lo sponsor è lo stesso, la iella pure. Quattro gare (di cui due in testa) rovinate da problemi tecnici, decine di punti buttati al vento. L’ombra del 2005 si sta impossessando di lui. E c’è anche un preoccupante denominatore comune: Adrian Newey

5 – Michael Schumacher:
Arriva fuori dai punti ed è un pilota finito, arriva quarto e ha approfittato dei ritiri (solo lui, ovviamente). Insomma, in grigio non lo digerisce nessuno e, per la legge del tifo retroattivo, ci manca che alcuni (presunti) tifosi Ferrari ora dicano di non averlo digerito nemmeno in Rosso. Lasciamolo in pace, por vecchietto.

6 – Jenson Button:
Ok le strategie alternative, ma questa volta lo è stata davvero troppo. Mercedes per Mercedes, ha tentato di correre con la Safety Car ma è stato scoperto. Risultato, imbottigliato nelle retrovie per decine di giri come uno Schumacher qualunque. Rischia anche di stamparsi ma rimane miracolosamente in pista.

7 – Adrian Sutil:
Ha voluto imitare KamiKoba e ha toppato clamorosamente, per tempi e modi di esecuzione. Si è perso il conto delle sportellate che ha dato a destra e a manca, fino a rimetterci una sospensione. Di Kamui Kobayashi ce n’è uno solo..per fortuna o purtroppo!

8 – Vitaly Petrov:
Non sappiamo se la sua intenzione fosse quella di rientrare ai box o meno, sta di fatto che non è riuscito nell’intento ed è tornato ciondolante a piedi in pit lane dopo aver trasformato la sua R30 in una Renault 5. Ok che porta i soldi, ma se sfonda una macchina a GP l’apporto economico si annulla.

9 – Bern Maylander:
L’uomo della Safety Car ha chiesto a Charlie Whiting che, dall’anno prossimo, gli vengano assegnati punti validi per il Campionato Piloti. D’altronde, con i giri percorsi in testa ai GP tra acquazzoni, sportellate, svenimenti dei commissari, è anche giusto riconoscergli qualcosa.

10 – Hermann Tilke:
Si fa intervistare per ammettere di aver costruito una pista in una palude, in cui l’acqua invece che essere drenata dall’asfalto verso l’esterno, viene drenata dai campi circostanti sul tracciato. Un esempio di tecnologia moderna. Dopo Hockenheim ha deturpato anche l’intelletto degli appassionati.

Fuori Concorso – Kimi Raikkonen:
Viste le condizioni della pista, si presenta sulla griglia di partenza con la sua C4 WRC. Durante le interviste ammette di avere problemi di usura delle gomme e spera che la pioggia non termini. Sullo sterrato nessun problema, la sua Citroen può tener testa a chiunque.

Queste le prime Pillole, speriamo siano gradite!

Alessandro Secchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

29 commenti
  1. Alessandro Secchi

    25 Ottobre 2010 at 11:54

    @Victor:
    Rileggila BENE la Pillola su Alonso..

  2. Federico Barone

    25 Ottobre 2010 at 12:02

    Chi sarebbe la Letizzietto? 😉

  3. certom

    25 Ottobre 2010 at 13:09

    E vogliamo parlare del trofeo? Che è uno dei pochi che ha ancora una forma…a trofeo??

    Anche questo sarebbe stato da inserire nelle pillole secondo me 😉

  4. gianfranco

    25 Ottobre 2010 at 13:40

    ahaha vettel aka baby raikkonen!!!
    è dall’inizio della stagione che faccio questo paragone

  5. Daniele

    25 Ottobre 2010 at 13:46

    Dario, posso anche essere d’accordo sul layout del ciruito, ma da qui a farci un GP ne manca ancora molto. Tilke ha progettato e costruito una piscina.
    Sembrava una gara di nuoto, tra l’altro di dubbia gestione..
    E la direzione gara ormai non poteva piu’ far nulla, la frittata era già stata fatta.

  6. Faffo78

    25 Ottobre 2010 at 15:36

    Bel lavoro Secchi!

    gradite le pillole così come le pagelle!
    lascia stare a chi fa polemica giusto per rompere le b… a chi lavora e a chi è appassionato.

    Buon lavoro 😉

  7. Victor

    26 Ottobre 2010 at 09:03

    x Secchi
    in effetti la pillola su Alonso è un po’ sibillina…concordo alla grande con quella didicata ad Hamilton anch’io mi sarei buttato nella tempesta di pioggia con le gomme slik per arrivare puntuale ad un appuntamento con Nicole solo che non guido bene come Lewis… 🙂

  8. ZeroFighter

    27 Ottobre 2010 at 23:28

    Mark: prima della gara alla domanda sui obiettivi “survive!” 🙂

  9. Elena (Jenson's fan!)

    16 Ottobre 2011 at 19:47

    sembrerò una matta, ma non ho capito nulla… non sembravano di questo gp… :O
    ecco queste pillole non mi sono piaciute… mi dispiace… di solito mi fanno morire dal ridere… oggi.. uhm…
    comunque sei mitico lo stesso! 🙂

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati