La Red Bull rinuncia all’F-duct per il GP Turchia

La Red Bull rinuncia all’F-duct per il GP Turchia

La Red Bull ha deciso di non utilizzare il sistema F-duct per il resto del weekend del Gran Premio di Turchia. La RB6 di Sebastian Vettel era equipaggiata con un’ala posteriore simile a quella introdotta dalla McLaren ad inizio stagione, e sebbene abbia dato risultati promettenti non avrebbe funzionato correttamente “al 100 per cento”.

Il team avrebbe quindi deciso di non utilizzare il sistema per le qualifiche e la gara.

“Ci sono alcuni effetti collaterali” ha dichiarato il consigliere della Red Bull, Helmut Marko. “Controlleremo i dati e lo proveremo di nuovo a Montreal” ha aggiunto.

Intanto, dopo aver utilizzato una versione del sistema attivabile a mano in Spagna, la Ferrari avrebbe portato un altro step del sistema ad Istanbul, attivabile dai piloti con il piede sinistro.

“Abbiamo risolto i problemi di Barcellona,” ha dichiarato Fernando Alonso in riferimento al poco carico in curva. “Il nostro sistema non è ancora perfetto. Dobbiamo lavorarci”.

La Force India si è detta soddisfatta della sua versione del sistema ma secondo Adrian Sutil il team indiano “ha molto da imparare” sul concetto del progetto.

La Red Bull rinuncia all’F-duct per il GP Turchia
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Tornano i sistemi F-duct in Formula 1?

In aggiunta al W-duct i team avebbero ideato altri sistemi anche per l'ala posteriore
Un nuovo caso di utilizzo di sistemi F-duct sarebbe già scoppiato in Formula 1. Il problema sembrava risolto alla fine