La Lotus rinuncia per il momento al DRS passivo

In Corea utilizzerà ancora il passo lungo introdotto a Monza

La Lotus rinuncia per il momento al DRS passivo

La Lotus ha deciso di non utilizzare per il momento il DRS passivo su cui sta lavorando da diversi mesi. A confermarlo il capo delle operazioni di pista Alan Permane in un’intervista ad Auto Motor un Sport.

“In questa stagione non lo porteremo – ha spiegato – Ciò non significa che abbiamo abbandonato il progetto. Va ancora perfezionato, ma ora come ora non possiamo dedicargli più tempo. Il reparto tecnico è già focalizzato sulla monoposto 2014, quindi per quella attuale arriveranno solo piccoli aggiornamenti. Rimangono un paio di problemi da risolvere, ma tutto sommato come si è visto a Singapore non siamo messi male”.

Per quanto concerne il passo lungo introdotto in Italia, che sarà presente anche in Corea, l’ingengere ha proseguito: “Ci dà dai due ai quattro decimi in più, ovviamente non abbastanza per raggiungere Vettel che è avanti di due secondi, però è lo stesso un boost che può permetterci di lottare sempre almeno con le Mercedes”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Apocalisse

    27 Settembre 2013 at 10:46

    Questa storia del DRS passivo è comica al livello della MP4/18 nel 2003…

  2. Emanuele

    27 Settembre 2013 at 12:20

    Il problema è che bastano un pò di trucioli di gomma e il sistema diventa inutilizzabile

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati