La FIA vuole vietare le ali flessibili in F1

La FIA vuole vietare le ali flessibili in F1

Nel paddock di Interlagos si vocifera di un prossimo divieto della FIA sulle ali flessibili, una notizia che se confermata potrebbe penalizzare Red Bull e Ferrari in vista dell’anno prossimo.

Le ali flessibili sono tornate un tema di attualità nelle ultime gare con il team di Maranello e quello campione del mondo impegnati a testare soluzioni estreme che spesso hanno evidenziato il cosiddetto fenomeno del “fluttering” alle alte velocità con visibili fasci di scintille dalle paratie.

Secondo il giornale spagnolo Marca “la FIA intende discutere della questione la prossima settimana” con l’intento di risolverla velocemente per la prossima stagione.

La McLaren sarebbe il team che avrebbe più benefici da un eventuale divieto. “Hanno fondamentalmente la stessa vettura da tre anni” ha dichiarato Hamilton parlando della Red Bull, “erano anni luce davanti, soprattutto a metà stagione. Non penso abbiano mai avuto problemi tecnici, è stata una vettura formidabile”.

Il vantaggio della Red Bull potrebbe però ridursi l’anno prossimo con la messa al bando dei diffusori soffiati ed eventualmente delle ali flessibili: “Quando si impedisce ad un team di utilizzare il fattore più importante nelle sue prestazioni, la tendenza è quella di vederlo perdere un pò di competitività” ha dichiarato Ross Brawn della Mercedes a O Estado de S.Paulo.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

34 commenti
  1. Fernando

    27 novembre 2011 at 14:50

    … vediamo… la prossima della FIA sarà quella di vietare di usare la benzina??? 😀
    Ma finiamola, stanno diventando ridicoli! Centralina unica, software unico, pneumatici unici, motore standardizzato in materiali, dimensioni e pesi, vietato tutto… e basta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • giacomo

      27 novembre 2011 at 19:35

      analisi fondata; sono più che ridicoli , sono in malafede

  2. strige

    27 novembre 2011 at 14:54

    schumy/ferrari vincevano e cambiano le regole per svantaggiarli, vettel/rbr vincono e cambiano le regole per svantaggiarli. ma dove è finita la sportività in questo sport? pazzesco.

    • MikeCTF (tifoso Ferrari)

      27 novembre 2011 at 15:06

      come non quotarti.

    • Fernando

      27 novembre 2011 at 15:07

      … guarda che accadde lo stesso per williams, mclaren e renault… via le sospensioni attive alla williams… via il berillio dai motori mercedes e tutte le diavolerie aerodinamiche ed elettromeccaniche dalla vettura… via il mass dumper dalla renault e temperature funzionali imposte per il motore (la Renault avevo uno sviluppo per portare la temp dagli attuali 130°C a 150°C e per gli aerodinamici era una pacchia!)… diciamo che c’è una politica gestionale mediocre ed i team ancor peggio che accettano??

      • strige

        27 novembre 2011 at 16:16

        c’hai ragione, io così su due piedi mi sono venuti in mente i due casi più eclatanti avvenuti nel recente passato. 🙂

      • MikeCTF (tifoso Ferrari)

        27 novembre 2011 at 21:05

        Stavolta Fernando siamo proprio d’accordo. Io non capisco perche’ si debba sempre penalizzare chi ha un vantaggio tecnico di qualsivoglia natura.

    • mirko.mp

      27 novembre 2011 at 20:59

      stavolta anch’io sono d’accordo con strige

  3. Andrea Gardenal

    27 novembre 2011 at 14:59

    A questo punto ditelo che volete il monomarca. Aboliamo gli scarichi soffianti, aboliamo le ali flessibili, aboliamo gli sviluppi sui motori, imponiamo l’architettura del motore uguale per tutti…

    • Fernando

      27 novembre 2011 at 15:02

      … guarda che già c’è… V8 di 90° con peso, baricentro, valori di corsa ed alesaggio, elettronica e temperature funzionali… tutto imposto da regolamento da quando esistono questi V8 e ancora peggio sarà con i V6 turbo perché i fornitori delle componenti (valvole, pistoni, bielle, cuscinetti, turbine e pacchi radianti) verranno imposti… e dove sta la competizione???? Meglio la GP2 a questo punto!

      • Fernando

        27 novembre 2011 at 15:03

        PS: dimenticavo, anche il regime degli ultimi V10, attuali V8 e futuri V6 imposto con una centralina per regolamento… bléah 🙁

      • Andrea Gardenal

        27 novembre 2011 at 15:11

        Mea culpa, lapsus, volevo aggiungere “l’architettura del motore uguale per tutti. A questo punto facciamo il monomarca”. Mi era andato il sangue alla testa, a ripensare a tutte le cose imposte per regolamento.

  4. hozfegir

    27 novembre 2011 at 15:07

    ricordiamo alla FIA che la lunghezza del passo è differente tra le vetture cosi’… possono rimediare

    • Federico Barone

      27 novembre 2011 at 16:34

      Non rivelare certi segreti… 😉 ora fisseranno anche quello, come hanno fatto pure per la distribuzione dei pesi fra gli assi. 🙁

      Comunque gli idioti siamo noi, che continuiamo a guardare le gare e scrivere qui di questo argomento.

      E non mi si critichi più – per cortesia – se scrivo di “F1-wrestling”.
      (forse il wrestling è più sportivo di questo circo).

  5. Michele Antonelli

    27 novembre 2011 at 15:12

    La realtà è che esistono troppe regole che finiscono per essere evase da tutti i team. Se si tornasse alla vecchia formula? Cioè quella dove ognuno usa i suoi mezzi stando nella stessa cilindrata. Tutti questi limiti sono in sostanza un buon affare per telaisti e aerodinamici. La F1 è sport i MOTORE. Ma guarda caso oggi l’elemento meno importante non è il propulsore ma tutte quelle diavolerie (alette, alettoni, alettine, fiocchetti rosa e blu, scannalature ecc. ecc.). Una volta vedevi fumate i motori fusi portati al limite. Eppoi il divieto di testare per proprio conto è una cosa ridicola.
    Le regole dovrebbero essere poche e semplici: cilindrata, aerodinamica elettronica si ma eliminando tutte le pretuberranze che appaiono sulla vettura, peso totale della vettura, rifornimento in gara e cambio gomme come si vuole senza dover mettere le gomme che ti ordina mamma FIA.
    Togliere soprattutto il limite di budget che tanto lo sanno tutti che volendo lo sviluppo lo fai fare utilizzando altre società che non appaiono nel bilancio del team.
    Insomma un ritorno a quei fondamenti che sono tipici di uno sport per velocisti e non di strateghi.

  6. cecco

    27 novembre 2011 at 15:22

    nel 2014 con il cambio dei regolamenti, cambierà anke la denominazione da F1 a GP1 …. tutto monomarca………

  7. AntonioN

    27 novembre 2011 at 15:23

    Eliminate quello che vi pare… ma eliminate quello schifo di DRS!!!

  8. luciano

    27 novembre 2011 at 15:38

    sono daccordo, per regolamento le ali devono essere fisse, e non mobili, poi per superare i test, devono rispettare delle specifiche di flessione, ma il principio anche dei test è quello non farle flettere

  9. Toro Rosso

    27 novembre 2011 at 15:48

    La FIA vuole andarsene a fancul

  10. Skiwolker

    27 novembre 2011 at 16:00

    La FIA ha deciso che dal 2014 sarà vietato l’uso del volante e per guidare si userà un classico controller per console.

  11. giacomo

    27 novembre 2011 at 19:37

    ma è lecito un colore diverso da quello “ufficiale”? avete ragione, che vadano a farsi….
    questa non è più F1 , è solo un circo itinerante…

  12. Vincenzo

    27 novembre 2011 at 19:43

    Beh le scuderie perchè accettano,per convenienza ? Ognuno tira acqua al suo mulino e la maFIA ci sguazza, ormai è snaturata come competizione.Solo Business.

  13. Claudio

    27 novembre 2011 at 19:57

    Tra elettronica ed amenità varie arriveremo ad un GP con le auto pilotate dai box con joystick.
    L’unica cosa di cui non si sente parlare è di riconsegnare le macchine alla sensibilità ed abilità del pilota.

  14. Federico Barone

    27 novembre 2011 at 20:54

    La prima cosa che mi è venuta in mente è stata:
    proprio ora che “forse” la Ferrari le aveva capite? Che jella! 😉

    Ma non si flettevano anche le ali McLaren, a Melbourne, quest’anno? O ricordo male?

    • MikeCTF (tifoso Ferrari)

      27 novembre 2011 at 21:09

      C’era in giro un video in cui si paragonavano i musetti di RB e Mclaren ed entrambi avevano ali flessibili. Forse non sono andati oltre nel loro sviluppo. Comunque nelle libere le ali Ferrari avevano ancora quella tinta verde vista a Silverstone per i flussi aereodinamici. Chissa’… ma se vietassero anche queste tanto vale vedere le gare americane.

    • Andrea!

      28 novembre 2011 at 15:10

      in rb e ferrari flette il bordo dell’ala, mentre ad inizio anno alla mclaren fletteva tutto il muso, ma l’ala in se era ferma

  15. Zredwa

    27 novembre 2011 at 21:18

    Ma vietate anche di avere lo sterzo e le quattro ruote.
    -.- Ma per favore..

  16. Enzo

    27 novembre 2011 at 22:32

    Io penso che se qualcuno di noi tifosi di questo sport potesse candidarsi alla guida fella Fia farebbe sicuramente un ottimo lavoro . Tod vai a quel paese tu e tutti i tuoi accoliti .

  17. campionato alternativo

    28 novembre 2011 at 23:25

    Ecclestone vaporizzati!

  18. mauro

    28 novembre 2011 at 23:27

    per una cosa bisogna dar atto a l.c.di montezemolo cioè che è da anni che ribadisce il concetto dei regolamenti rigidi e non interpretabili per finirla una volta per tutte.

  19. mauro

    28 novembre 2011 at 23:30

    e comunque sia a vederla proprio bene ogni cosa che vietano è uno stimolo nuovo per trovare altre soluzioni con concetti sempre più estremi.
    praticamente la massima espressione dell’automobilismo vista dai progettisti .

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati