Jules Bianchi: 48 ore da pilota Ferrari

Jules Bianchi: 48 ore da pilota Ferrari

Alla stampa presente alla straordinaria tre giorni dedicata alle giovani speranze della Formula 1, Jules Bianchi si e' dichiarato entusiasta dell’avventura appena conclusa: “Sono felice, anche se all’inizio avevo il cuore che batteva molto forte e non riuscivo ad abituarmi all’idea di essere nell’abitacolo di una Ferrari.” Molta la curiosita' suscitata dall’esordio del giovane francese al volante della F60 e positivo il bilancio di questa esperienza da pilota Ferrari “Non si puo' descrivere esattamente cosa si prova a far parte della Scuderia, anche se solo per 48 ore.

Ho imparato tanto, anche cosa vuol dire un vero briefing davanti a quindici ingegneri, io che ero abituato a parlare con una sola persona al termine delle prove.” Quello che ha maggiormente impressionato Bianchi e' stata la potenza del motore, insieme al comportamento dei freni in curva, la possibilita' di entrarvi a gran velocita' e di poter staccare all’ultimo secondo.”Girare con maggiore peso mi ha aiutato a capire cosa mi aspetta il prossimo anno: vincere con la GP2 e' il mio obiettivo primario, anche se non dimentichero' facilmente quest’esperienza e la preparazione che richiede per entrare nel mondo della Formula 1.

Ai giovani che gireranno domani consiglio di non cercare subito il limite, ma di lasciarsi guidare dalla squadra, che ha tanto da insegnare a chi, come noi, ha ancora molta strada davanti”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati