Horner: “Richiediamo stabilità nelle regole”

Horner: “Richiediamo stabilità nelle regole”

Red Bull e Toro Rosso non hanno aderito alla proposta delle altre scuderie in merito a una limitazione del budget per il 2013. Questo non preoccupa i due team, in particolare la squadra di Milton Keynes: il team principal Chris Horner, infatti, continuerà a lottare in quello che crede. La Red Bull non è d’accordo sulla voce che non include i limiti di spesa per i motori: questo creerebbe delle difficoltà alla squadra austriaca rispetto ad altre scuderie.

“Secondo noi la RRA non è un metodo efficace di controllo dei costi se non si considerano alcuni elementi. Ci sono diverse persone giuridiche che operano nella proprietà delle proprie squadre in modi diversi – ha spiegato Horner -. Vogliamo qualcosa di trasparente e onnicomprensivo. La RRA, la RRA sul telaio come è stato discusso in precedenza, non raggiunge questo obiettivo”.

“Siamo convinti che la stabilità nelle regole è il miglior modo per controllare i costi perché con regole stabili possiamo vedere come molte squadre, anche indipendenti, sono competitive in F1 – ha proseguito -. Vogliamo avere regolamenti tecnici e sportivi stabili, sono il miglior modo per controllare i costi rispetto ad una restrizione delle risorse che non tratta tutte le parti con parità”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

24 commenti
  1. anonima tifosa vettel

    23 Ottobre 2012 at 18:22

    Bhe’ se la pensi cosi’tanto di cappello,almeno alla fine della stagione non ci sara’piu’chi tira il sasso poi nasconde la mano,senza parlare che era proprio il primo a spendere di piu’…

    • AleMans

      23 Ottobre 2012 at 18:29

      Ma non ti sei domandata perché sia solo la RedBull a lamentarsi di nuovi limiti di spesa?
      Mah chissá perché…

      • anonima tifosa vettel

        23 Ottobre 2012 at 18:43

        non me lo chiedo,e sai perche’?? Con tutto quello che hanno saputo fare e sanno fare io ho ciecamente fiducia in loro..E le accuse e le chiacchiere li lascio alle persone che non sapendo piu’vincere cercano di bloccare e accusare l’avversario piu’forte,dimostrando quanto valgono–E’ stato un piacere Ale!!!

      • jack74

        23 Ottobre 2012 at 20:16

        detta da uno che da quando hanno deciso il rispetto dei 200 milioni all’anno non ha mai rispettato gli accordi ce’ da ridere , quello che dice e’una strategia per fare in modo che gli avversari spendano meno di lui , il piscio giallo alla red bull frutta 1,4 mil di euro all’anno quindi di sicuro non ce’ problemi di spesa visto che la loro filosofia e’ tutta basata nel marketing. anonima tifosa vette da come parli mi sembri alquanto inesperta di F1

      • anonima tifosa vettel

        24 Ottobre 2012 at 20:05

        E tu molto esperto di piscio giallo ;).. ps nel mio post ho solo scritto quello che penso,se poi avete la coscienza sporca che dire lavatela

      • Max Bassanet

        25 Ottobre 2012 at 12:45

        maria non sono voci, la fia ha mandato delle persone per controllare il bilancio e la rbr non li ha fatti entrare, qua gatta ci cova e conoscendo i precedenti non ci metto la mano sul fuoco che sono “puliti”.

  2. Maria

    23 Ottobre 2012 at 18:26

    bravo Chris! non se ne può più di queste regole che cambiano ogni 5 minuti!
    Un giorno la macchina è regolare, il giorno dopo non lo è – si decidessero una buona volta!

    • AleMans

      23 Ottobre 2012 at 19:12

      Quelle pagliacciate dipendono da chi deve applicare le regole ma le applica a volte si e altre no.

  3. AleMans

    23 Ottobre 2012 at 18:26

    “Vogliamo” non esiste da nessuna parte.

    • anonima tifosa vettel

      23 Ottobre 2012 at 18:40

      Si vogliamo,se poi non esiste per te il problema e’ tuo..;)

      • AleMans

        23 Ottobre 2012 at 18:43

        “Vogliamo” non esiste da nessuna parte e per nessuno.

    • Maria

      23 Ottobre 2012 at 18:57

      Vorremmo allora, ma con Pierino presidente della FIA è peggio che con il sadomasochista di prima 😀

  4. Marcoct212v

    23 Ottobre 2012 at 18:54

    Le regole devono rimanere uguali. Ma peccato che tutti sono già con la testa al 2014 dove cambierà praticamente tutto e per l’ennesima volta.

  5. K20™

    23 Ottobre 2012 at 20:33

    “Red Bull e Toro Rosso non hanno aderito alla proposta delle altre scuderie in merito a una limitazione del budget per il 2013.”

    Strano!

    Ecclestone e la FIA hanno fatto della F1 una questione di marketing, puro e solo marketing, mettendo lo sport e i costruttori in secondo piano.
    Non mi sorprenderei un domani di vedere in pista una vettura denominata Coca Cola o Samsung.

  6. Federico Barone

    23 Ottobre 2012 at 20:38

    Che funzione ha Infiniti, nell’universo Red Bull? è solo sponsor? La mia è pura curiosità… qualcuno lo sa?

    • K20™

      23 Ottobre 2012 at 20:44

      Io immagino di si dato che il motore è Renault e il telaio e parti meccaniche non vengono prodotte ne in Giappone, ne in America.

      Se non ricordo male oltretutto, ha iniziato a fare la sua comparsa sulla RB solo in un secondo momento.

      • Federico Barone

        23 Ottobre 2012 at 20:53

        http://f1grandprix.motorionline.com/f1-red-bull-racing-e-infiniti-insieme-anche-nel-2012/

        °…Christian Horner, Direttore del team Red Bull Racing: “Nel breve tempo che abbiamo collaborato con Infiniti, è diventato sempre più chiaro che più lavoriamo a stretto contatto e più vantaggi possiamo entrambi raggiungere in termini di performance. Il successo di questa prima stagione è stato fenomenale e l’ampliamento della partnership ci permetterà di condividere conoscenze ed “expertise”, con benefici reciproci in pista e su strada.L’accelerazione del programma, ad appena 7 mesi dall’annuncio della partnership, solidifica la visione condivisa di Infiniti e Red Bull Racing, con progetti di lavoro già in atto per portare la collaborazione in ambito tecnico…°

      • K20™

        23 Ottobre 2012 at 21:02

        Boh Federico, a me sembrano più che altro le solite frasi di circostanza dette tra una scuderia e uno sponsor, poi magari mi sbaglio.

        Ho sentito dire più o meno le stesse cose però anche in altri lidi.

      • Federico Barone

        23 Ottobre 2012 at 21:06

        Naturalmente, io non volevo insinuar nulla. Mi è venuta questa curiosità ed allora sono andato alla ricerca di articoli. Ma probabilmente le collaborazioni si limitano – nonostante le parole di Horner – a versioni ed allestimenti speciali delle Infiniti stradali…

      • Strige

        24 Ottobre 2012 at 00:33

        non so se ti può essere utile, ma io sapevo che la RBR non paga i motori. All’inizio il contratto di fornitura era con la renault, successivamente per dare risalto al marchio infiniti hanno modificato l’accordo e praticamente l’incasso dallo sponsor infiniti è pari al costo dei propulsori renault.

        Infatti mi pare di ricordare su questo sito, qualcuno (a dire il vero pensavo che fossi stato te) che disse che la rbr non avrebbe pagato più i motori.

        Oltretutto in caso di vittoria, è la infiniti a fare l’auto a tiratura limitata e non la renault.

        Questo è l’unica cosa che so io.

      • Federico Barone

        24 Ottobre 2012 at 08:20

        Grazie Strige. Se veramente ho riportato io quella notizia… ammazza quanto sto invecchiando velocemente! 😀

      • anonima tifosa vettel

        24 Ottobre 2012 at 20:14

        Copia e incolla Infiniti e Red Bull – Partnership
        Infiniti, in occasione del Gran Premio di Corea, ha annunciato l’ampliamento della propria partnership con Red Bull Racing per la stagione 2012 della Formula Uno. Dal prossimo anno, il marchio Infiniti sarà ancora più in evidenza sulle nuove vetture F1.Copia e incolla Attraverso un comunicato divulgato stanotte, la scuderia Red Bull ha ufficializzato la partnership con il brand di lusso della Nissan, Infiniti: l’accordo è di durata biennale (2011-2012), ma i motori manterranno la denominazione Renault. 28/02/2011 Red Bull potrebbe usare motori marchiati Infiniti

  7. MPE57

    23 Ottobre 2012 at 21:32

    Horner predica bene e razzola male.
    La red bull è sensibile nell’area motori, però buchi, mappature e altre furbate, non ce le hanno fatte mai mancare.

  8. macro

    24 Ottobre 2012 at 10:46

    “Siamo convinti che la stabilità nelle regole è il miglior modo per controllare i costi perché con regole stabili possiamo vedere come molte squadre, anche indipendenti, sono competitive in F1″

    Questa frase è corretta. I regolamenti devono essere stabili e duraturi. La cosa che “dimentica” di dire Horner è che la propria fortuna è avere Newey che lavora sulle zone grigie del regolamento e che la FIA non ha mai avuto gli attributi per squalificare una qualsiasi vettura.
    Occorrono un regolamento a prova di perito tecnico e sanzioni severe per i furbetti, basterebbe poco.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Marko sicuro: “Horner resta”

Si parlava di un suo allontanamento per via del budget cap
Il consulente della Red Bull, ha voluto fare un chiarimento in merito ad alcune indiscrezioni sull’allontanamento di Chris Horner dalla