Grosjean: “Mi scuso con la squadra per l’errore”

Il francese è convinto che la Lotus possa fare bene a Budapest

Grosjean: “Mi scuso con la squadra per l’errore”

Romain Grosjean si scusa con i meccanici della Lotus per il testacoda che ha condizionato la sua FP2 a Budapest. Il francese ha chiuso al quinto e al nono posto le due Libere del venerdì, ma se avesse una maggiore concentrazione i risultati potrebbero essere maggiori.

“Non è il giorno migliore che abbiamo avuto, ma nemmeno il peggiore”, ha detto il transalpino. “La vettura non andava del tutto come piace a me, era simile a come la sentivo a Hockenheim e questo ha reso le cose un po’ complicate. Ho commesso un errore in prova andando largo all’uscita della curva sette nella seconda sessione e ho toccato il muro, quindi grandi scuse ai ragazzi del box per questo mio errore”.

Grosjean pare aver commesso un errore stupido, quando invece è stato capace nella stagione di numeri da campione. Nonostante gli sbagli, la Lotus rimane favorita per un buon risultato qui in Ungheria e anche il ginevrino ne è consapevole: “La nota più positiva è che ora possiamo capire le cose che abbiamo bisogno di migliorare in termini di setup, quindi speriamo che domani questi particolari faranno la differenza e avrò la fiducia per spingere un po’ più forte e mostrare il vero ritmo della vettura”, ha concluso il pilota della scuderia di Enstone.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

7 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Ferrari, Arrivabene: “Ungheria gara chiave”

“È un appuntamento che non possiamo fallire”, le parole del team principal del Cavallino
In Ferrari non intendo minimamente alzare bandiera bianca davanti allo strapotere Mercedes. Dopo la scialba prova mostrata di Silverstone, la
News F1

L’Hungaroring si rifà il look

Iniziati i lavori di ristrutturazione di asfalto e strutture
A luglio aveva annunciato un importante piano di restyling grazie all’intervento del governo locale.L’Hungaroring ha già iniziato a cambiare volto.