GP di Austin: Pirelli si prepara al Circuito delle Americhe

Il giropista del circuito in animazione 3D

GP di Austin: Pirelli si prepara al Circuito delle Americhe

Pirelli si è preparata al GP di Austin inviando due ingegneri per ispezionare la pista e raccogliere dati con sofisticatissimi macchinari al fine di rilevare caratteristiche dell’asfalto e insidie del tracciato. Obiettivo, arrivare a una scelta delle mescole destinate alla gara sulla base di dati concreti e verificabili e prevedere in anticipo gli effetti sulle vetture.

Il circuito del Texas, che sarà inaugurato ufficialmente questo fine settimana, ospiterà il Gran Premio degli Stati Uniti dal 16-18 novembre.
Per prepararsi alla prima edizione del Gran Premio, gli ingegneri Pirelli hanno effettuato un sopralluogo per ispezionare il Circuito delle Americhe quando era ancora in fase di costruzione, studiando in dettaglio la superficie della pista e il layout. Per farlo, i tecnici della P Lunga hanno portato con sé sofisticate apparecchiature laser di misurazione, al fine di valutare l’abrasività del circuito ed esaminare attentamente la distanza e la forma delle pietre che compongono l’asfalto.
Per garantire una rappresentazione accurata delle caratteristiche del circuito, sono state fatte molte rilevazioni. Grazie a queste, si è potuto creare al computer una simulazione virtuale del tracciato dal punto di vista degli pneumatici.
A questi dati si è poi aggiunta l’analisi di alcuni campioni di asfalto della nuova pista: questo ha permesso a Pirelli di calcolare il tasso di probabile usura e l’effetto della temperatura ambientale e dell’ asfalto sulle gomme in diversi punti del circuito.

Il Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: “E’ chiaro che prepararsi ad un circuito completamente nuovo è ben più difficile che scendere in pista su una pista nota. Tuttavia, ci sentiamo assolutamente pronti per questo magnifico circuito, dove porteremo il P Zero Silver hard e il P Zero White medium. La tecnologia e il know-how che abbiamo a nostra disposizione ci permettono di avanzare alcune stime molto accurate sul circuito, grazie al lavoro di preparazione fatto dai nostri tecnici.”

Il Presidente del circuito americano Steve Sexton ha aggiunto: “La sofisticata tecnologia per la quale Pirelli è conosciuta, le ha permesso di essere leader di mercato. Le rilevazioni e le analisi che hanno effettuato contribuiranno a fornire previsioni di strategia di gara che possono aiutare piloti e Team ad affrontare al meglio il nostro circuito. Ci auguriamo di poter continuare a lavorare con loro sul Circuito delle Americhe “.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

7 commenti
  1. SCR34M3R

    19 Ottobre 2012 at 12:55

    hahah ruota a ruota e sorpassi ad ogni curva xD

  2. gliarrabbiatirestano

    19 Ottobre 2012 at 13:55

    Mah, diciamo che se non fosse per quell’orribile sezione finale (ad uso e consumo di gradinate carissime, vuote probabilmente, e sponsor giganti) sarebbe potuta essere la migliore creazione di Tilke anche se quel tratto di esse che ricorda il giappone è bello, ma decisamente troppo insistito.

  3. terminator

    19 Ottobre 2012 at 15:21

    Che filmato del caz*o !! Non si vede niente, non si capisce una mazza…Ma che lo facciano un giro completo con visuale dal cockpit almeno si capisce bene il layout della pista !!! Che dementi !!!

  4. TifosoHam

    19 Ottobre 2012 at 18:06

    scommettiamo che lewis su una pista nuova, lungee veloce (curve veloci) come questa, il venerdì darà 3 decimi a tutti?

    è sempre il più veloce ad arrivare vicino al limite

  5. V-Ryven

    20 Ottobre 2012 at 15:33

    ahahah seee magari ci fossero battaglie cosi!! xD

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati