F1 | GP USA, si ferma dopo 15 gare consecutive a punti la striscia positiva dell’Alpine

"Un weekend da dimenticare", ha commentato Marcin Budkowski

F1 | GP USA, si ferma dopo 15 gare consecutive a punti la striscia positiva dell’Alpine

Dopo quindici gare consecutive a punti la striscia positiva dell’Alpine si è fermata a Austin, con Ocon e Alonso ritirati per alcuni problemi al posteriore. Fine settimana sfortunato per la squadra francese, con il transalpino colpito da Giovinazzi nel corso del primo giro e poi costretto al ritiro per un problema al retrotreno della vettura e il campione spagnolo protagonista di diverse battaglie fino a pochi giri dal termine, quando si è fermato definitivamente ai box per la rottura dell’ala posteriore.

“Una gara da dimenticare – ha commentato Marcin Budkowski, direttore esecutivo dell’Alpine. Praticamente, tutto che poteva andare storto, è andato storto. Esteban è partito in undicesima posizione con gomme medie e sembrava potesse conquistare qualche punto, purtroppo però è stato preso da Giovinazzi nel corso del primo giro e ha riportato un danno all’ala anteriore, che ci ha costretto a richiamarlo ai box. Da quel momento in poi la sua gara è stata pesantemente compromessa: non poteva fare granché, e poiché sospettavamo avesse un problema lo abbiamo fatto ritirare per precauzione”.

“Fernando ha fatto una gara in rimonta partendo dal fondo, abbiamo fatto di tutto per arrivare in top ten, spingendo e prendendo dei rischi, provando anche una strategia diversa per costruire un vantaggio di gomma alla fine. Ci stavamo avvicinando alle vetture davanti, ma un problema all’ala posteriore lo ha costretto a fermarsi. Usciamo da questo weekend senza punti dopo 15 gare consecutive in top ten. Abbiamo molto sul quale riflettere e migliorare dopo questo fine settimana, lavoreremo sodo in vista delle prossime gare”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati