Gli organizzatori dei Gran Premi contro i motori “verdi” e silenziosi

Gli organizzatori dei Gran Premi contro i motori “verdi” e silenziosi

Gli organizzatori dei gran premi di tutto il mondo hanno minacciato di non ospitare più la Formula Uno se si dovesse portare avanti il progetto dei motori cosìddetti “verdi”.

Tutti i promoter dei gran premi, eccetto per Cina e Corea, hanno firmato la lettera dell’organizzatore australiano Ron Walker, dicendo che lascerebbero la Formula Uno a favore degli eventi della Indycar, se la FIA non cambia idea circa i controversi piani futuri riguardanti i motori.

La lettera è stata ricevuta dal corpo governativo mercoledì, un giorno prima che il piano sui motori a quattro cilindri venisse respinto, a favore dei motori V6 turbo nel 2014.

Ma le voci che circolano in seguito a questa riunione di Londra, suggeriscono che il patron Bernie Ecclestone voglia ancora i rumorosi motori V8.

L’UK Express ha citato Walker, che ha dichiarato che i motori rumorosi sono cruciali per l’appeal della F1 e quello che la FIA ha proposto suonerebbe come “una lattina che trema”.

“Non ci faremo distruggere la nostra clientela” ha aggiunto il presidente della Grand Prix Corporation “Ho detto loro che i circuiti non vorrebbero queste cose. Il suono fa parte del marchio”.

E’ un momento molto interessante da un punto di vista politico, in quanto anche il presidente della Williams, Adam Parr, ha detto la sua: “I team hanno discusso la possibilità. Sarebbe ottimo per noi avere un coinvolgimento molto significativo, ma non credo che si debbano controllare anche i diritti commerciali. Potremmo lavorare al fianco di Bernie e di qualcuno come la CVC”.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

19 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Parr: “La Red Bull andava sospesa”

L'ex CEO Williams critico con la sanzione blanda del dopo Germania
Adam Parr  è tornato a parlare dell’incidente avvenuto lo scorso Gp di Germania, quando un cameraman presente nella pit-lane è