Formula 1 | Renault, Ricciardo ringrazia Marko: “Lo rispetto molto”

"Helmut è sempre stato molto appassionato e questo mi ha fatto crescere velocemente", ha affermato l'australiano

Ricciardo, successivamente, ha raccontato un curiosi aneddoto legato alla stagione 2010
Formula 1 | Renault, Ricciardo ringrazia Marko: “Lo rispetto molto”

Intervistato sul suo passato in Red Bull, Daniel Ricciardo ha analizzato la figura di Helmut Marko, braccio destro di Dietrich Mateshcitz e personaggio a cui spetta la decisione di scegliere le line-up dei team Red Bull e Toro Rosso, sottolineando come l’austriaco sia un profilo estremamente appassionato, aspetto che aiuta i piloti a crescere, soprattutto dal punto di vista caratteriale.

Nonostante gli screzi dell’anno scorso, infatti, l’australiano ha voluto ringraziare Marko per il contributo offertogli, evidenziando come la sua esperienza sia stata un fattore chiave per quello che riguarda il suo sviluppo professionale.

“Helmut è sempre stato molto appassionato e questo mi ha fatto crescere velocemente”, ha affermato Daniel Ricciardo. “Lo rispetto per questo”.

L’australiano, successivamente, ha ricordato un curioso aneddoto legato alla stagione 2010, ovvero quando, a causa di un brutto incidente in mountain bike, con relativa frattura del polso, fu costretto a saltare una sessione di test a Jerez: “Ho avuto un incidente sulla mia mountain bike, circa due settimane prima del test, e mi sono fratturato il polso. Sapevo di non poter girare, visto che non riuscivo a muovere la mano. Ad ogni modo, però, sono volato a Jerez”.

“Volevo dimostrare che almeno volevo provarci. Ho fatto un giro, ma sono tornato direttamente ai box. Una volta rientrato squillò il telefono ed era proprio Helmut Marko. Mi scusai e dopo un lungo silenzio mi diede dell’idiota, agganciando immediatamente il telefono”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Focus F1

F1 | Renault, lasci o raddoppi?

Il team francese è ad un bivio: ingaggiare un pilota esperto o puntare sui giovani del vivaio
E’ un giallo, in tutti i sensi. Ok, battuta a parte volta al solo scopo per dare il via a