Formula 1 | Liberty Media pronta a inserire l’Olanda nel calendario: registrato il marchio “Dutch Grand Prix”

Trattative avanzate anche con la Danimarca per una corsa a Copenaghen

Formula 1 | Liberty Media pronta a inserire l’Olanda nel calendario: registrato il marchio “Dutch Grand Prix”

Continua la programmazione firmata da Liberty Media per i futuro de Circus. Secondo quanto riportano diversi media oltremanica, Olanda e Danimarca sarebbero pronti a fare il proprio ingresso nel calendario, potando il calendario a ventitré appuntamenti. Le trattative sono assolutamente riservate, ma secondo i media inglesi la società statunitense avrebbe già registrato il marchio “Dutch Gran Prix”, dando un chiaro segnale in ottica 2019. Charlie Whiting, ricordiamo, solo pochi giorni fa è volato ad Assen per eseguire un breve sopralluogo, dando luce verde per quello che riguarda l’organizzazione di un Gran Premio.

Da non sottovalutare però la posizione di Zandvoort, fortemente interessata a un posto all’interno del calendario mondiale. Il nodo della questione sarà slegato dal budget economico che ogni tracciato potrà stanziare e in quest’ottica appare leggermente più avanti il circuito che, attualmente, ospita la MotoGP. Trattative ben avviate anche per la Danimarca dato che negli ultimi giorni c’è stata una forte accelerata tra il Sindaco di Copenaghen e Chase Carey, CEO di Liberty Media. L’accordo economico sarebbe stato pressoché trovato e prevederebbe la realizzazione di un tracciato cittadino all’interno della Capitale danese.

Si attende solo di risolvere gli ultimi dettagli legati ai pagamenti e all’organizzazione dell’evento. Ricordiamo che anche Vietnam, Argentina e Portogallo hanno richiesto un colloquio con Chase Carey, ma rispetto ai due stati precedentemente citati le trattative sono ancora in una fase assolutamente embrionale.

Roberto Valenti

Formula 1 | Liberty Media pronta a inserire l’Olanda nel calendario: registrato il marchio “Dutch Grand Prix”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati