Fisichella: "Grazie al Presidente"

Fisichella: "Grazie al Presidente"

Il sogno diventa realta' per Giancarlo Fisichella, approdato alla Ferrari da pochi giorni e gia' alle prese con riunioni e prove al simulatore. Il pilota romano, che sostituira' Felipe Massa per le ultime cinque gare della stagione e sara' terzo pilota per la Scuderia Ferrari Marlboro nella stagione 2010, ha incontrato oggi la stampa per la prima volta da quando e' Ferrari. "Il sogno e' realizzato e ora la sfida non e' semplice – sono state le sue parole davanti ai giornalisti. Ricomincio da capo, con macchina nuova, squadra nuova, volante nuovo. Ho trovato a Maranello un'atmosfera gioiosa. E so che a Monza potro' contare su due potenze che prima non avevo. Il kers, 70-80 cavalli in piu' che si e' visto quanto mi siano mancati domenica scorsa a Spa stando dietro a Raikkonen, e l'entusiasmo dei tifosi Ferrari. Devo ripagarli tutti dando risultati all' altezza di un pilota della mia esperienza.. Poi, stando coi piedi per terra, se vengono i podi e le vittorie e' tutto di guadagnato. Da venerdi', dopo l'emozione, abbassero' la visiera, mettero' la prima, e saro' al 100%".

I giornalisti in pista a Fiorano erano incuriositi dallo stato d'animo del pilota, soprattutto data la velocita' con la quale si sono susseguiti gli eventi da mercoledi' scorso. Il pilota ha rivelato: "Non ci potevo credere, non ho dormito la notte, ma non ne ho parlato con nessuno. Poco piu' di 24 ore dopo l'annuncio. E' fatta. La prima persona cui l'ho detto e' stata papa', il mio primo tifoso, quello che ogni tanto mi diceva: 'Ma com'é che la Ferrari non ti chiama?'" E i contatti con gli altri piloti della Ferrari? "Non li ho sentiti. Kimi e' un grande, un campione del mondo, sara' bello correre con lui. Michael lo vedro' domani a Vallelunga. So che ha dato parere favorevole al mio nome, e' un grande piacere". E Felipe Massa? "Dopo la firma, con Domenicali lo abbiamo chiamato. Mi ha detto che e' contentissimo, che sono la scelta giusta. Gli ho risposto che ovviamente mi dispiace di aver avuto questa possibilita' per quello che gli e' successo in Ungheria e che gli auguro di riprendersi in fretta. Quando vuole tornare, la macchina e' sua, se la puo' riprendere. Spero di essere alla sua altezza e di fare i risultati che avrebbe fatto lui".

La gratitudine del pilota, che debuttera' in rosso nelle prove libere di venerdi' a Monza, dove correra' il suo GP numero 227 in carriera, e' stata principalmente per il Presidente Montezemolo: "Devo dire grazie al Presidente Montezemolo, che mi ha scelto personalmente, a Domenicali, alla Ferrari di questa possibilita'."

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati