FIA, no ufficiale alla quarta giornata di test a Silverstone

Mercedes non testerà le nuove gomme Pirelli

FIA, no ufficiale alla quarta giornata di test a Silverstone

La FIA ha confermato che il prossimo test per giovani piloti a Silverstone non sarà allungato di un giorno e resterà una sessione di tre giorni che inizierà dal 17 luglio. Dopo i cedimenti di gomme al GP Gran Bretagna la FIA ha deciso di modificare il programma dei test di Silverstone permettendo ai team di far girare anche i piloti titolari, sebbene i loro programmi dovranno essere limitati alle prove delle nuove gomme Pirelli.

Di recente era stata discussa la possibilità di una quarta giornata di test per permettere di girare di più con le gomme riviste, ma la FIA ha deciso di mantenere il programma di date originale.

Pirelli fornirà ai team dei set extra delle gomme riviste, ovvero con costruzioni 2012 combinate con le mescole 2013 (soft, medium e hard). Comunque, ai team è stato ricordato che i cambiamenti al set-up fatti alle proprie vetture con i piloti titolari al volante devono essere correlati ai test di gomme e non al miglioramento della vettura.

Mercedes sarà l’unico team che non avrà l’occasione di provare le nuove gomme. Il team di Brackley è stato infatti escluso da questa sessione per aver violato il regolamento della F1 prendendo parte ad un test privato di 1000 Km con Pirelli dopo il GP Spagna.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. wolf62

    10 Luglio 2013 at 11:25

    E’ più che giusto, la Mercedes i suoi 1000km li ha già fatti.

  2. pbaudo

    10 Luglio 2013 at 12:27

    Io penso che la FIA farebbe meglio ad evitare di annunciare restrizioni che non sarà poi in grado di far rispettare.
    La Ferrari sta evidentissimamente utilizzando Massa per sviluppare la F138 utilizzando tutto il tempo ed i km possibili (libere, prova e gara compatibilmente con le altre esigenze di carico lavorativo) in assenza di sessioni di test. Così si spiegano le incredibili (nel numero e nei modi) uscite di strada dell’ultimo periodo.
    La Ferrari deve e vuole provare la sua soluzione del Traction control su base Kers passivo PKTC (Passive Kers traction Control) che già tanti grattacapi ha dato all’incolpevole Felipe.
    D’altra parte non è un’innovazione, tuttalpiù sarà settato sulle specifiche esigenze delle nuove gomme! Un pò come gli scarichi: quali sperimenterà (oh scusate porterà) la Ferrari per questo specifico test di gomme? quelli lunghi o quelli corti? Forse entrambi, d’altronde il calore degli scarichi influenza significativamente la stabilità e la durata delle gomme, quindi vanno provati o no? Ed i carichi delle ali anteriori e posteriori influenzeranno la stabilità delle coperture quindi andranno testati gli opportuni aggiustamenti o no? Ed il profilo estrattore? dovrà lavorare in sinergia con le gomme di nuova struttura per ottimizzare la cosiddetta minigonna termica o no? E poi non dimentichiamo i punti di attacco delle sospensioni e le relative geometrie oggetto di specifiche revisioni per adattare i cinematismi alle carcasse nuove (o forse vecchie) con differenze di peso e di struttura. Quindi, anche le nuove sospensioni andranno provate (per adattarle meglio alle gomme, s’intende) o no? Infine una eventuale ridistribuzione dei pesi per testare assetti alternativi (più o meno rake) per sposare meglio le nuove coperture vanno testati o no? In buona fede direi certamente di sì, come dirà certamente di sì la FIA!
    Cos’è allora che non si potrà provare?? A sì, forse (ma in buona fede non sono sicuro) non si potrà provare un carburante alternativo a quello utilizzato nell’ultima corsa! o forse no!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati