F1 | Wolff: “Hamilton e Bottas hanno superato le nostre aspettative”

Il boss della Mercedes sta apprezzando il modo in cui i suoi due piloti stanno gestendo il loro rapporto

F1 | Wolff: “Hamilton e Bottas hanno superato le nostre aspettative”

L’arrivo di Valtteri Bottas sembra aver dato nuove sensazioni alla Mercedes, contenta per la scelta fatta, per le prestazioni del nuovo arrivato e, soprattutto, per il modo in cui si è interfacciato con il suo “scomodo” compagno di squadra Lewis Hamilton.

In una recente intervista ad Autosport Toto Wolff si è detto più che felice di queste dinamiche interne e di come si siano felicemente superate le diatribe presenti al box nel 2016, quando lo stesso Hamilton e Nico Rosberg si affrontavano per la conquista del titolo.

“Per me Valtteri sta superando le nostre aspettative – ha raccontato – quando abbiamo deciso di prenderlo sapevamo delle sue qualità. In pista sta migliorando ad ogni gara ed è una cosa molto bella da vedere”.

“Ma un punto in cui ha davvero superato le nostre aspettative, e in effetti lo hanno fatto entrambi i nostri piloti, è il modo in cui riescono a lavorare insieme. Si rispettano sia in pista che fuori dalla pista, un rispetto sia come persone che come piloti. Non si è mai vista in passato una squadra con due ragazzi così”.

Da qui le profonde differenze con quello che succedeva lo scorso anno: “Il rapporto personale tra Valtteri e Lewis è completamente diverso rispetto a quello che c’era tra Nico e Lewis. Hanno un legame di lavoro completamente diverso, che passa dalle dinamiche all’interno della squadra”.

Per quanto riguarda le prestazioni Wolff si è detto più che soddisfatto per quanto fatto fino a qui e per il modo in cui la squadra ha reagito ai nuovi regolamenti: “Nel complesso direi che è tutto ok, considerando che ci sono stati tanti cambiamenti. Sapevamo quanto sarebbe stato difficile rimanere competivi con un cambio normativo così importante come mai era successo prima”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati