F1 | Vettel: “Adoro correre, la domenica spingo per essere il migliore”

"La vittoria di Monza con la Toro Rosso, il primo titolo e la prima vittoria con la Ferrari in Malesia nel 2015 sono i momenti più belli che finora ho vissuto", ha dichiarato il tedesco in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera

F1 | Vettel: “Adoro correre, la domenica spingo per essere il migliore”

Il Gran Premio del Bahrain, che si svolgerà domenica in notturna sulla pista di Sakhir, rappresenterà un traguardo importante per Sebastian Vettel: la 200esima gara in carriera.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il quattro volte campione del mondo ha ripercorso alcune tra le tappe più importanti della sua avventura professionale nel Circus: “La vittoria di Monza con la Toro Rosso, il primo titolo con la Red Bull e la prima vittoria con la Ferrari in Malesia nel 2015 sono i momenti più belli che finora ho vissuto. Adoro correre e amo il momento in cui entro in macchina: senti solo il suono del motore ed è tutto nelle tue mani”.

Per accantonare e superare i momenti negativi, il tedesco si è sempre affidato alla sua voglia di ripartire verso nuove sfide: “Amo quello che faccio. Nella vita di un pilota ci sono alti e bassi, ma non ho mai oltrepassato il confine della delusione. Perdere è una sensazione orribile, ma ti dà anche una carica speciale per le successive volte. La domenica ho solo un obiettivo: spingere per essere il migliore”.

Il tedesco ha ripercorso anche i suoi anni in Ferrari: “Se guardo indietro e vedo dove eravamo nel 2015, quando sono arrivato, è un’immagine completamente diversa. La prima vittoria è arrivata subito, ed è stata un’emozione forte non solo per me, ma per l’intero team che veniva da un anno difficile. Abbiamo dimostrato di essere forti, ma non abbiamo sfruttato le grandi occasioni. Ma resto fiducioso, continueremo a crescere. Siamo stati vicini alla Mercedes, ma non abbastanza per vincere il campionato. Ora ci riproveremo nuovamente”.

Su un’eventuale rivoluzione dei weekend di gara, con l’ipotesi di una gara sprint per determinare la pole, Vettel esterna il proprio pensiero: “Sono un tradizionalista, da quando seguo le gare hanno avuto sempre lo stesso format. Anche in passato le gare erano lunghe, anche più di ora, e la gente si divertiva comunque. Capisco che tutto cambi, ma cosa c’è di sbagliato nel sistema attuale?”. 

Sulle attuali forze in campo, Vettel non ha dubbi: “Vedo la Mercedes in testa e un diretto confronto tra noi e la Red Bull. Penso che sarà una lotta serrata, di solito accade quando le regole non cambiano per un pò. Mi auguro che sia così: combattere con più piloti è emozionante, anche per guarda le gare alla tv”. A proposito di piloti, il tedesco non ha dubbi sul campione del passato che vorrebbe sfidare: “Michael (Schumacher, ndr). Lui è il migliore. Anche Stirling Moss, ho letto la sua storia e sono diventato appassionato. Hanno fatto cose pazze con quelle macchine”.

Nessun dubbio neanche su rivali più forti affrontati in pista: “Hamilton e Alonso”.

Sul nome Loria, dato alla sua nuova monoposto, che assume un significato ben preciso se preceduto da una “G”, Vettel ci ha scherzato su: “Meglio aspettare. La cosa più importante è che alla fine della stagione possa tramutarsi in Gloria.

Piero Ladisa 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati