F1 | Trattativa Liberty Media – Silverstone, vicini a un accordo per il rinnovo?

Le parti in causa sarebbero entrate nella parte conclusiva delle contrattazioni

Silverstone saluterà il Circus al termine di questa stagione senza un rinnovo e Liberty non sembra intenzionata a rinunciare a un appuntamento storico come quello in Gran Bretagna
F1 | Trattativa Liberty Media – Silverstone, vicini a un accordo per il rinnovo?

Nonostante le difficoltà iniziale e il muro contro muro instaurato qualche settimana fa, Silverstone si starebbe avvicinando alla conferma in calendario anche oltre la scadenza dell’attuale contratto fissata per l’anno prossimo.

Secondo quanto dichiarato dal Financial Times, infatti, i gestori dell’impianto inglese sarebbero entrati nella fase conclusiva delle contrattazioni con Liberty Media, aspetto che farebbe pensare a un accordo pressoché concluso.

Silverstone, ricordiamo, ha scelto di attivare una clausola d’uscita al termine di questo campionato, così da poter avere una posizione abbastanza forte nelle trattative di rinnovo con Chase Carey e Ross Brawn.

Una mossa non gradita da parte di Liberty, ma che sembra abbia dato i frutti sperati, visto che il tracciato situato nel Northemptonshire dovrebbe ottenere un rinnovo al ribasso rispetto al precedente accordo stipulato con Bernie Ecclestone.

“Silverstone ha un valore storico e Liberty non è intenzionata a lasciare scappare via un appuntamento così importante”, ha dichiarato una fonte vicina alla BRDC, società che gestisce l’impianto oltremanica.

F1 | Trattativa Liberty Media – Silverstone, vicini a un accordo per il rinnovo?
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Zac

    9 aprile 2019 at 13:51

    Northamptonshire, please.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | McLaren e Alonso si separano

"Farà sempre parte della nostra famiglia", ha dichiarato la scuderia britannica
Nonostante il ritiro nel 2018, lo spagnolo è sempre rimasto legato alla scuderia di Woking in qualità di ambassador. Tuttavia,