F1 | Toro Rosso, Gasly nono in Messico: “Macchina competitiva per tutto il weekend”

Kvyat: "Gara compromessa con le buone qualifiche di ieri per via delle Soft"

F1 | Toro Rosso, Gasly nono in Messico: “Macchina competitiva per tutto il weekend”

Con la nona posizione al traguardo, Pierre Gasly ha portato a casa altri due punti per la Toro Rosso, confermando ancora una volta il suo ottimo momento di forma, partito praticamente da quando ha lasciato la Red Bull. Stava facendo una discreta gara anche Kvyat, che ha rovinato tutto all’ultima curva buttando contro le barriere Hulkenberg e beccandosi 10 secondi di penalità sul tempo finale. I due torelli hanno pagato a caro prezzo la partenza con le Soft, ma sono stati comunque i primi a prendere la bandiera a scacchi tra quelli che hanno iniziato con le morbide.

“Oggi non è stato affatto semplice, ma ho dato il massimo e sono felice di aver conquistato due punti – ha detto Gasly. Nel complesso, la cosa positiva è stata avere una macchina competitiva per tutto il fine settimana. Cominciare la gara con le gomme Soft non è stato, ovviamente, l’ideale. Tuttavia abbiamo cercato di tirare fuori il meglio. Alla fine siamo riusciti a farle funzionare ed è stato importante per la nostra battaglia per il campionato”.

“Partendo con quella mescola di gomme, sapevamo che oggi sarebbe stata dura, ma avevamo ancora grandi speranze di poter andare a punti – ha dichiarato Kvyat. Date le circostanze, penso che la gara sia andata bene, e anche se può sembrare un paradosso, abbiamo compromesso la corsa con le buone qualifiche di ieri. Sono piuttosto contrariato per la penalità che mi è stata inflitta, da pilota non posso essere d’accordo, specie se prima ci viene detto che ci è permesso battagliare. Nico difendeva la posizione e io ero all’attacco: queste cose succedono, specialmente all’ultima curva dell’ultimo giro. Nonostante questo, mi sento in forma dopo questo weekend e non vedo l’ora di tornare in pista la prossima settimana, ad Austin”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati